Erosione spiaggia

mercoledì, ottobre 7, 2009
da famijarciunesa

Estate difficile per i bagnini che quest’estate in massa hanno dovuto fare i conti con l’erosione che in diversi punti ha ridotto di 20/30 metri la lunghezza dell’arenile. Tanto da dover rinunciare a due file di tende e ombrelloni. Partite le proteste, a fine luglio sono arrivati i primi provvedimenti. Mentre il Comune agli stabilimenti più colpiti ha concesso di spingersi con sdrai e ombrelloni fino a tre metri dalla battigia, la Regione ha aperto le porte al sabbiodotto e ha dato il via libera alla risistemazione della barriera soffolta. Della seconda non se ne parla, se non per un tratto sperimentale di 300/400 metri, da costruire con nuovi sistemi, come il “Tecnorif” a celle in cemento armato che, come sottolinea il sindaco Massimo Pironi “può avere una duplice funzione: favorire il ripopolamento ittico e tenere alla larga le vongolare”. Arrivano, intanto, i primi finanziamenti. Come promesso dall’assessore regionale Marioluigi Bruschini si tratta di 500mila euro per il ripristino della vecchia barriera e di altri 400mila euro, da dividere con Misano, per il ripascimento di ottobre. Sarà effettuato con la sabbia estratta dagli scavi del posto. Altro capitolo è il sabbiodotto, richiesto da Enzo Manzi e Renato Santi, rispettivamente alla guida della Cooperativa Bagnini e Cooperativa Bagnini “Adriatica” per ripascere l’arenile. L’idea è condivisa dalla Regione che presto valuterà se installare un impianto fisso, semifisso o mobile. Con questo sistema la sabbia verrebbe dragata sul posto ogni qual volta si presenti una necessità, senza problemi di trasporto e di vagliatura. Poi le barriere soffolte, altra richiesta partita dagli operatori di spiaggia e dal sindaco. In base a quanto garantito nell’ultimo summit, al quale oltre Pironi hanno preso parte il suo collega di Misano Stefano Giannini con il vice Fabrizio Piccioni, Bruschini con i suoi tecnici e le categorie economiche, entro l’inverno sarà risistemata la vecchia barriera che protegge dall’erosione il tratto compreso tra piazzale Roma e Fontanelle. I sacchi distrutti saranno “ricaricati” e segnalati con boe e dissuasori in pietra. Già all’opera i tecnici della Regione e del Comune, incaricati di predisporre questo progetto e anche quello che riguarda l’estrazione di sabbia dal Lungomare della Repubblica. L’assessore Bruschini si è anche impegnato a varare una direttiva o una legge regionale per disciplinare ripascimenti, dune e analisi delle sabbie. “Questo per evitare, com’è successo in passato, denunce e tempi lunghi per l’autorizzazione dell’uso della sabbia”. Al di là degli interventi urgenti, il sindaco Pironi punta su un unico progetto di difesa della costa, da realizzare tra Rimini e Cattolica. Per questo motivo, assieme a Giannini, chiederà un incontro ufficiale al presidente della Regione Vasco Errani. “Serve un accordo sulla gestione dell’intera costa per mettere a sistema tutti i problemi – insiste Pironi -. Il documento dovrà essere sottoscritto dalla Regione e dai quattro comuni interessati”.

Nives Concolino

Commenti non consentiti.

Marcar Rimini
Ceccaroli
Composet
Michelotti Santini
Guest.it
Spazio Assiamica
cd arredamenti
ediltutto
riccionese tendaggi
carrozzeria artigiana
ranch saloon
Muccioli
cavalluccio marino
bottega imbianchino