Addio a Piccioni

mercoledì, dicembre 1, 2010
da famijarciunesa

ADDIO A  PICCIONI
il pioniere delle Terme

Se n’è andato di lunedì, Giorgio Piccioni. Dopo mesi di battaglie con una malattia che non perdona. E’ morto a testa alta, lottando come un leone fino all’ultimo respiro. Aveva 66 anni, il presidente della Riccione Terme. Lascia la moglie Hélène e le amate figlie Roberta e Silvia. E’ stato uno degli imprenditori più noti di Riccione, un pioniere. Nato il 23 marzo del 1944 a San Clemente, Piccioni, comincia a occuparsi di turismo accanto alla mamma Pina Sarti, titolare dell’omonimo hotel di fronte alle terme. Qui conosce Hélène con la quale si sposa nel 1955 a 21 anni. Come albergatore dal 1969 al 1979 riveste l’incarico di presidente dell’Associazione. Poi acquista le fonti dell’“aqua cioca“. E’ il debutto delle terme, seguito dall’Oasi, il centro benessere. Piccioni si lancia in progetti ambizioni, come quello dell’accesso monumentale delle terme in viale San Martino e il ponte su viale Giovanni da Verazzano. Piccioni riesce a costruire il PalaTerme e nel 2008 il parco tematico Perle d’acqua. Nel frattempo riveste l’incarico di consigliere degli assoindustriali. Alla fine degli anni Ottanta fonda l’Unionterme, poi confluita in Federtermem, della quale negli anni Novanta diventa consigliere. Tra il 1996 e il 2000 viene eletto pure consigliere del Consorzio delle Terme Emiliano Romagnole. Dinamico e poliedrico, negli anni. Novanta si candida al Senato nella lista dei repubblicani. Dall’agosto 1990 alla primavera 1992, diventa presidente di Famija Arciunesa. Coltiva, intanto la passione per il mare. Sei anni fa con un gruppo di amici fa restaurare il trabaccolo Arcioun, mentre nell’estate 2009 e 2010, porta a Riccione una tappa del torneo dei Dinghy. Quale sarà il futuro delle terme è da capire. Dopo la burrascosa vicenda giudiziaria con l’Ausl, Piccioni è stato assolto “perché il fatto non sussiste”, come il suo Ad Lino Gilioli, richiamato di recente a Riccione. Intanto il fratello Giuliano Piccioni diventa presidente pro tempore. Gli amici lo salutano per l’ultima volta il 19 ottobre, alle 8 del mattino. Una cerimonia funebre in forma privata. Mancherà a tanti, soprattutto il suo coraggio.

Commenti non consentiti.

Marcar Rimini
Ceccaroli
Composet
Michelotti Santini
Guest.it
Spazio Assiamica
cd arredamenti
ediltutto
riccionese tendaggi
carrozzeria artigiana
ranch saloon
Muccioli
cavalluccio marino
bottega imbianchino