Lutto alla Famija

venerdì, settembre 24, 2010
da famijarciunesa

Addio all’imprenditore Cesare Antonioli

Per un anno e mezzo, dal marzo 1989 all’agosto 1990, è stato il “Babbo” della Famija Arciunesa, che ha sempre seguito con interesse e attenzione in ogni sua iniziativa. Cesare Antonioli, classe 1940, martedì 13 luglio è volato in cielo, dopo una lunga malattia. Intraprendente e innamorato della sua città natale, ha diviso la vita tra famiglia, impegno sociale e lavoro. Sin da giovane ha seguito la strada intrapresa dal padre Adriano e dal nonno Clodoveo, impegnati nel settore dell’elettricità dal 1904. Sotto la sua guida l’omonima impresa l’Antonioli snc. di Antonioli & C., è diventata leader nel settore di impianti elettrici. E’ in via del Lavoro,  che tuttora si creano illuminazioni per strade, arredi urbani, campi sportivi e grandi aree, come quelle realizzate in viale Ceccarini, a Riccione, in viale Bovio, a Cattolica, allo stadio “Romeo Neri”, a Rimini. Come commenta l’attuale presidente Giuseppe Lo Magro “Cesare é stato un imprenditore oculato ed esperto. Molto attivo. Anche all’interno dell’associazione ha dato un importante apporto con le sue idee e la sua presenza”. Stesso impegno per il Rotary Club Riccione, del quale nel 1984 è stato socio fondatore. Dal 1993 al 1994 ha rivestito anche la carica di presidente. Non solo. Pochi giorni prima della sua scomparsa era stato nominato socio onorario. Durante il suo mandato aveva riportato al porto l’epigrafe restaurata di Maria Boorman Ceccarini, in passato affissa sulla facciata principale dell’Hotel Milano-Helvetia. Lo ricorda per la sua   competenza e umanità nella professione, anche l’attuale timoniere del Rotary Club Riccardo Angelini. Mentre l’amico Domenico Fabbri, che con lui ha condiviso tanti momenti della sua vita trascorsi in allegria anche al Florida, ne sottolinea l’ “aspetto solare” e ricorda le tante iniziative organizzate insieme, al Bagno 66: feste, concorsi per  miss, scherzi ai calciatori della Roma e persino l’albero di Natale sulla sabbia. Un particolare. Antonioli nel 2003 aveva fatto restaurare due insegne d’epoca, quelle dei viali Martinelli e piazzale Vittorio Veneto, forgiate nel 1920 e rinstallate nel posto originario. Anni fa aveva organizzato un paio di raduni di tutti gli Antonioli nel mondo. Cesare, che lascia la moglie Carmen Castellana, la sorella Laura e il nipote Adriano, riposerà per sempre nel vecchio camposanto di Riccione.

Nives Concolino

Commenti non consentiti.

Marcar Rimini
Ceccaroli
Composet
Michelotti Santini
Guest.it
Spazio Assiamica
cd arredamenti
ediltutto
riccionese tendaggi
carrozzeria artigiana
ranch saloon
Muccioli
cavalluccio marino
bottega imbianchino