Arte futurista 1923

venerdì, aprile 15, 2011
da famijarciunesa

Arte Futurista – Riccione 1923
Inaugura la mostra Filippo Tommaso Marinetti

Con  Regio Decreto  n. 1439  del  19 ottobre 1922,  pochi giorni prima della marcia su Roma (28 ottobre), e dell’avvento al potere  del fascismo,  la nostra città vedeva finalmente  riconosciuta la propria  aspirazione all’ autonomia comunale. Dopo anni di reiterate  proteste e battaglie civili della popolazione, avviate sin dagli  ultimi decenni dell’Ottocento, e sostenute altresì dai proprietari dei primi villini, Riccione poteva infine abbandonare il ruolo di semplice frazione o “borgata”, com’era il più delle volte citata nelle pubblicazioni e perfino  negli opuscoli illustrativi del capoluogo riminese, per divenire, nel volgere di pochi lustri, una delle più rinomate stazioni balneari d’Italia. A prescindere da ogni giudizio di merito sulle mutate condizioni politiche  nazionali e locali, l’autonomia amministrativa stimolò la crescita  economica e civile di una comunità che da  tempo ambiva ad autogovernarsi, per essere pienamente  artefice del proprio futuro.Cessate le agitazioni che avevano caratterizzato buona parte della precedente estate, le cronache locali sottolineano un notevole  incremento del movimento turistico, di provenienza  anche estera, favorito anche da un ricco programma di iniziative sportive, ricreative e culturali volte all’intrattenimento degli ospiti della “ Perla verde dell’Adriatico”. In ambito culturale,  suscita un grande interesse la mostra  d’arte futurista, inaugurata il 30 agosto 1923, nientemeno che da Filippo Tommaso Marinetti (Alessandria d’Egitto 1876- Bellagio 1944),  padre fondatore del  Futurismo, prima avanguardia storica italiana, che “pronunciò un lungo discorso”. Purtroppo, la rivista  da cui si è attinto la notizia di questo straordinario  evento, si limita ad un breve cenno, ed ulteriori ricerche effettuate su giornali e periodici  dell’epoca, sinora infruttuose, non permettono di  illustrare con maggior dovizia di particolari, quello che fu  il carattere della rassegna, di conoscere la sede espositiva ed i nomi degli artisti che presentarono le loro opere.  L’adesione di una simile personalità dell’arte  europea, induce  a ritenere che si trattasse di una manifestazione d’ un certo rilievo nel panorama artistico dell’epoca, con la partecipazione di pittori probabilmente solo “influenzati” da quel movimento culturale che investì con forza dirompente le arti figurative. Si può supporre che sia stata  organizzata in uno dei pochi alberghi allora provvisti di spazi “polivalenti”, che potevano ospitare concerti, recite, ed altre forme d’intrattenimento, data la totale assenza, in un comune che muoveva i primi passi,  di strutture ricettive pubbliche, quali saloni di proprietà comunale od il Palazzo del Turismo che verrà realizzato diversi anni dopo nel 1938. Dalla medesima fonte documentaria, si desume che gli organizzatori furono i “signori Pedrini e Mingozzi, e che annessa alla mostra, c’è una esposizione di cartelli reclame della Casa Argo di Bologna”. Viene citata una agenzia pubblicitaria, che fu attiva a Bologna negli anni Venti e Trenta, di cui sono conosciuti manifesti, cartelloni, opuscoli e cartoline, prodotte per diversi luoghi di villeggiatura marina e termale. A questa ditta, la nuova Amministrazione civica, constatata la notevole professionalità nel settore della comunicazione, due anni dopo, nel 1925, ordinerà il primo manifesto pubblicitario di Riccione, con la dicitura: “ La perla verde dell’Adriatico”. Questo motto, che per tanti anni ha contraddistinto l’offerta turistica della nostra città a livello internazionale, accompagna l’immagine di una seducente  sirena che danza sui flutti del mare  tenendo nelle mani una corona di rose rosse: sullo sfondo, la spiaggia dorata con i bagnanti,  le cabine  e gli ombrelloni variopinti del “Delizioso Soggiorno della Riviera Romagnola”: località già capace di rispondere ad una domanda crescente di vacanza, e destinata, in pochi anni, a primeggiare tra i centri balneari d’Italia.

Fosco Rocchetta

Commenti non consentiti.

Marcar Rimini
Ceccaroli
Composet
Michelotti Santini
Guest.it
Spazio Assiamica
cd arredamenti
ediltutto
riccionese tendaggi
carrozzeria artigiana
ranch saloon
Muccioli
cavalluccio marino
bottega imbianchino