Pari Opportunità

lunedì, giugno 3, 2013
da famijarciunesa

OPPORTUNITY un evento ‘laborioso’

UNA GIORNATA DI LAVORO
PER IL LAVORO
Il Career Day che la nostra Commissione ha proposto quest’anno in occasione della Giornata internazionale della donna ha ottenuto un ottimo riscontro, forse maggiore del previsto. Anche se normalmente un evento di questo tipo è organizzato dalle università e quindi si rivolge ai laureandi e laureati, in occasione dell’8 marzo come Commissione che particolarmente di diritti di genere si occupa, abbiamo scelto di dare un preciso taglio a questa iniziativa che per il nostro territorio risulta inedita. E’ stato così un Career Day mirato a sostenere le donne, quelle che cercano il primo lavoro, che sono in cassa disoccupazione o mobilità e anche quelle che per motivi familiari si sono dovute dedicare ad altro e per questo  ritenute ‘fuori corso’. Ma l’obiettivo non è stato o non è solo stato quello di far trovare un’idonea occupazione, ma anche consegnare loro  strumenti utili per capire meglio come intercettare le aziende, come adeguarsi alle esigenze del mercato, come valutare la possibilità di creare una propria professione, ma anche  semplicemente come redigere un curriculum.

PARTECIPAZIONE E CONDIVISIONE
Domenica 9 marzo dalle ore 10.00 alle 18.00 la sala al primo piano del Palazzo del Turismo ha visto un via vai di donne di tutte le età e non solo italiane. Facendo un approssimativo bilancio hanno partecipato alla giornata più di 350; sono stati effettuati più di 180 colloqui, hanno seguito i diversi momenti di formazione circa 200 di loro, sono state ascoltate le testimonianze di donne ‘che ce l’anno  fatta’ da più 140. Tante sono state le associazioni di categoria e quelle che con il mondo del lavoro sono a stretto contatto, ed è chiaro che un obiettivo così importante si è potuto raggiungere grazie alle loro preziose interazioni, che non solo sono consistite nel mettersi a disposizione per tutta la giornata, ma anche nell’indicarci i migliori esperti per l’area formazione, elemento fondamentale del Career Day. Erano presenti l’Associazione Albergatori, il Centro per l’Impiego, la Cna di Riccione e Rimini, il Cescot, il CDS, la Confartigianato, la Confcommercio, la Confesercenti, l’Obiettivo Lavoro. E poi il Gruppo Hera, che assieme alla Banca di Rimini hanno elargito un sostegno economico al progetto, la Geat che ha provveduto all’addobbo floreale, e l’Anmil che ha prestato le sue belle immagini sul lavoro delle donne proiettate per l’intera giornata; senza dimenticare l’apporto creativo dello Studio Monaco di Rimini che ci ha regalato un’elaborazione grafica e comunicativa di alta qualità. Più di una decina le aziende che si sono prestate a partecipare nel loro desk ed incontrare tutte quelle donne che volevano improntare un colloquio di lavoro: Aikom Technology srl, Conad, Eurocom Innovazione, Eurocom Telecomunicazioni, Hotel Belvedere, Hotel Polo, Leardini Group, Legacoop, ManauraVitacafè, Neri Group (H. Augustus -Aldebaran -Carignano), Ristobar Spiaggia Rimini, Serra Sicomoro,Teddy, Ubisol. La postazione poi dedicata al progetto Tegesmutter ha illustrato il ruolo di ‘mamme di giorno’ quale moderna opportunità di lavoro.

MOMENTI PER CRESCERE
Significativi momenti di formazione/informazione si sono avvicendati nel corso della giornata: sono iniziati con la spiegazione dei Club di prodotto, riguardanti fette di mercato turistico che si riferiscono ad una precisa categoria di persone (family, bike…), da parte di Alberto Gnoli della Top Team, di fronte ad una entusiasta e curiosa platea di allievi dell’Istituto Savioli. Per passare alla relazione sulla professionalità necessaria anche per fare le camere degli hotel, approfondita dalla signora Cianfanelli e Pelliccioni per Teamwork. Elisa Migliarini, per la Cescot, ha insegnato come redigere un curriculum da ‘non cestinare’, e Gabriele Frisoni  per Buon Lavoro CNA come ci si presenta ad un colloquio, momento determinante per la possibilità di acquisire un posto. Per il Centro per l’Impiego di Rimini Jean Christophe Pirini ha illustrato le opportunità offerte dalla Comunità Europea e Terenzio Traisci ha relazionalo sull’importanza del ruolo dei social network rispetto all’inserimento nel mercato del lavoro.
IO CE L’HO FATTA!
Sono state di grande interesse e soprattutto stimolo le testimonianze di donne che grazie alla loro perseveranza, creatività ed ingegno sono riuscite a ritagliarsi un ruolo rilevante nel campo lavorativo, valorizzando anche il proprio essere donne: dall’esperienza sartoriale della signora Borkovic originaria della Bosnia-Erzegovina che arrivando a Riccione in poco tempo ha improntato una linea sartoriale, alla capacità manageriale di Sabrina Vescovi che ha raccontato la sua esperienza di donna nello sviluppo delle tre aziende per le quali lavora, ribadendo l’importanza che queste mettano a disposizione delle proprie dipendenti dei servizi che permettano una migliore conciliazione dei tempi; dalla verve di Marina Pasquini, temeraria albergatrice che ha spiegato quanto sia importante creare progetti che ‘svecchino’ l’imprenditoria alberghiera, alla professionalità di Michela Ronci, responsabile Hera che ha spiegato l’esperienza del Divertity Management, fondata sul concetto che l’ascolto e il coinvolgimento siano uno strumento di primaria importanza per gestire l’azienda.

Commenti non consentiti.

Marcar Rimini
Ceccaroli
Composet
Michelotti Santini
Guest.it
Spazio Assiamica
cd arredamenti
ediltutto
riccionese tendaggi
carrozzeria artigiana
ranch saloon
Muccioli
cavalluccio marino
bottega imbianchino