La Zirudèla

martedì, febbraio 12, 2013
da famijarciunesa

E chèn ad Tulio (di Giuseppe Lo Magro)

Tulio, un dé ch’un eva gnint da fè
l’è ‘ndè a biroun te Paes a sbarlucè.
T’una vidrèina d’un negozie d’animèl
un chèn ch’un eva mai vést isé bèl.

L’entra sl’idea da cumprèl ad scaranèda
e dmanda quant e costa t’una s-ciuptèta.
“Cinq-méla euro” ui arspond e padroun
s’una facia a mità tra pataca e quajoun.

“Boia d’una maduscacia…. l’è fat d’or?”
l’urla Tulio mentre ui scadnacia e cor !
“Na,l’è chèrna e ose…mo l’ha una qualità…
e camèina sora l’aqua come Crést santità.

Sa tota la mia unestà a te pòs garantì,
se po’ un ti va bèn at dagh i sèld indrì !”.
Tulio e suspira, pò dla crosa us fa e sègn
e e tira fura da la bas-cocia un bèl asègn.

T’un lèmp in bésa l’è sla riva dla marèina…
l’ha fat n’aferi o i l’hà frighè sla parlantèina?
L’arcoj un legn e tramèza agl’ènde ul fa vulè
e me chèn ui dis : “ Dai movte…val a ciapè”

L’animèl e baja, pò e partés che e pèr un raz
e, roba da nu cred, senza gnènca un sparnaz
come e fòs un schèrz, che pèz ad legn e coj
e ul arporta tra i pì ad Tulio s’un po’ d’urgoj.

Tulio e strabòza j’èc, quasi e cred da insugnè
isé l’arpét e lènc pansand ch’lè mej cuntrulè.
Dè, tre, quatre, cinq volte…sempre cumpagn
Tulio e dis:”Al mèt t’un Circo, a fac guadagn”.

At che mentre un signor ui s’aprèsa curios.
“Te vést ad raza ad chen…l’è purtentos”
“Quant’an ch’l’ha?”. E Tulio..”Gnènca dè!”
E quèl serie.. “Alora un impèra piò a nudè”.

Il cane di TuLlio

Tullio, un giorno che non aveva niente da fare
è andato a zonzo in Paese a curiosare.
In una vetrina di un negozio di animali
un cane che non aveva mai visto così bello.

Entra con l’idea di comperarlo subito
e domanda quanto costa con ansietà.
“Cinquemila euro” gli risponde il padrone
con una faccia a metà tra stupido e minchione.

“ Boia d’una miseriaccia…è fatto d’oro?”
urla Tullio mentre gli palpita il cuore!
“ No, è carne e ossa…ma ha una qualità..
cammina sopra l’acqua come Gesù Cristo.

Con tutta la mia onestà te lo posso garantire,
se poi non ti va bene ti restituisco i soldi!”.
Tullio sospira, poi della croce si fa il segno
e tira fuori di tasca un bell’assegno.

In un lampo è sulla riva della marina…
ha fatto un affare o l’hanno fregato con la parlantina?
Raccoglie un legno e in mezzo alle onde lo fa volare
e al cane dice: “Dai, muoviti…vallo a prendere”.

L’animale abbaia, poi parte che sembra un uccello
e, cosa da non credere, senza neppure uno spruzzo
come fosse uno scherzo quel pezzo di legno raccoglie
e lo riporta tra i piedi di Tullio con un po’ d’orgoglio.

Tullio stropiccia gli occhi, quasi crede di sognare
così ripete il lancio pensando che è meglio controllare.
Due, tre, quattro, cinque volte…sempre uguale
Tullio dice:” Lo metto in un Circo, faccio guadagno”.

In quel mentre un signore s’avvicina curioso.
“Hai visto che razza di cane…è potentoso!”
“Quanti anni ha?”. E Tullio :”Neppure due!”.
E quello serio..”Allora non impara più a nuotare!”.

Commenti non consentiti.

Marcar Rimini
Ceccaroli
Composet
Michelotti Santini
Guest.it
Spazio Assiamica
cd arredamenti
ediltutto
riccionese tendaggi
carrozzeria artigiana
ranch saloon
Muccioli
cavalluccio marino
bottega imbianchino