Nuova casa famiglia

lunedì, dicembre 7, 2009
da famijarciunesa

Una casa-famiglia nel “cuore” del Comune

La dependance del municipio, che fino allo scorso gennaio ospitava il custode, da novembre si è trasformata in casa famiglia. Offre un tetto a tre ragazzini in affidamento e a una volontaria che, nello spirito dell’associazione Papa Giovanni XXIII, fondata da don Oreste Benzi, fungerà da mamma. La singolare iniziativa è dell’assessore ai Servizi Sociali Ilia Varo che, portata la pratica in consiglio comunale, ha già predisposto la recinzione della casetta per renderla più sicura, autonoma  e protetta. Oltre alla valenza sociale, l’operazione garantirà una presenza fissa al palazzo comunale, anche per eventuali urgenze. Alla volontaria, infatti, saranno consegnate le chiavi dell’ingresso e il codice dell’antifurto. Si risparmieranno così i soldi del custode. Per questa nuova funzione la casa è stata declassificata a bene comunale disponibile e ceduta alla Giovanni XXIII in comodato gratuito. Come anticipa la Varo “partendo da questa scelta, sull’affido verranno proposte altre iniziative. Per esempio, attraverso degli incontri e dei convegni, dimostreremo alle persone che dare amore non è poi così difficile e che possiamo rispondere a certe esigenze. Mettiamo in pratica il gesto di San Martino, nostro patrono, che divise in due parti il suo mantello per darne una a chi aveva bisogno”. Appena insediato il sindaco Massimo Pironi aveva annunciato delle iniziative a sostegno dell’affido, promettendo azioni concrete e rilevanti “per fare di Riccione una città amica dei bimbi”. Va in questa direzione quella dello scorso 2 luglio. Si tratta di uno dei primi atti di giunta, destinati a incentivare le famiglie, intenzionate a prendere in affido temporaneo i bambini. Al di là del reddito, per chi fa questo passo è previsto un beneficio per l’accesso alle istituzioni comunali per l’infanzia, nidi e scuoline. Si tratta di rette minime che si attestano sui 47 euro al mese. Mamma della nuova casa famiglia (la prima aperta a Riccione è stata quella di San Lorenzo), sarà una cinquantenne riccionese da oltre trent’anni impegnata nella Giovanni XXIII, seguirà due fratellini, già iscritti nelle scuole di Riccione e un terzo fratello maggiore. Quanto basta a dare un chiaro segnale alle famiglie, facendo capire che a due passi dalle lussuose vetrine di viale Ceccarini, strada del lusso e dello struscio, può trovare casa la solidarietà.

Nives Concolino

Commenti non consentiti.

Marcar Rimini
Ceccaroli
Composet
Michelotti Santini
Guest.it
Spazio Assiamica
cd arredamenti
ediltutto
riccionese tendaggi
carrozzeria artigiana
ranch saloon
Muccioli
cavalluccio marino
bottega imbianchino