I scriv in dialet

venerdì, gennaio 28, 2011
da famijarciunesa

L’amor e al su stasoun

Avria fè un tòf, t’un mèr ad sèche foje
per santì la vosa dl’autòn.
Avria vistim s’una masa ad fiur
per santì e prufoum dla primavera.
Avria dipèng i rag de Sol
sl’azòr de mèr
per santì e calor dl’instèda.
Mo avria ciud j’oc
me culor de gris dl’invèrne
per scurdèm la fine de nost amor.
E ciel rès d’un trést tramount
d’un dé che e muriva ancora giovne.
E mentre me a sera ichè davanti ma te
t’arvévte pièn al tu strache déda
Alora me a vulèva via, rundanèina
ch’la lasa e su nid ad paja e ad tèra
per na libertà ch’l’an mi servirà piò.

Ferdinando Montebelli

L’amore e le sue stagioni

Vorrei fare un tuffo in un mare di secche foglie
per sentire la voce dell’autunno.
Vorrei vestirmi di tanti fiori
per sentire il profumo della primavera.
Vorrei dipingere i raggi del Sole
con l’azzurro del mare
per sentire il calore dell’estate
ma vorrei chiudere gli occhi
al colore del grigio dell’inverno
per scordarmi la fine del nostro amore.
Il cielo rosso d’un triste tramonto
di un giorno che moriva ancora giovane.
E mentre io ero qui davanti a te
aprivi piano le tue stanche dita.
Allora io volavo via, rondinella
che lascia il suo nido di paglia e di terra
per una libertà che non mi servirà più.

Lin si sént

Tra un vol e ch’l’èlt e po’ un’acrobazia
per dè drì m’un musèin ch’un s’la sgavagna
mo lore dl’èria isé al mantèn la pulizia
agl’ariva drì l’aqua, al cinguèta, lin ragna.
Sl’ultma lusa li si spècia e lin va via
per quei ch’is ferma a guardè, una cucagna
e silenzie ch’l’ariva l’è la piò bèla poesia
ch’us sént d’instèda at stè pzulèin ad Rumagna.
Intènt che ognouna e post sora una cana
la ciapa, a movla e sèfia un fil ad vènt
sempre, ul dondla e ui fa la ninanana.
E muvimènt dl’aqua ui è, mo l’è lènt lènt
al rundanèine agl’è ormai sèta la capana
lin vola lin cinguèta, al dorma, lin si sént.

Mario Tonini

Non si sentono

Tra un volo e l’altro e poi un’acrobazia
per inseguire un moscerino che non la scampa
ma loro dell’aria così mantengono la pulizia
arrivano vicino all’acqua, cinguettano, non litigano.
Con l’ultima luce si specchiano e non vanno via
per quelli che si fermano a guardare, un cuccagna
il silenzio che arriva è la più bella poesia
che si sente in estate in questo pezzetto di Romagna.
Intanto che ognuna il posto sopra una canna
prende, a muoverla soffia un filo di vento
sempre, le dondola e le fa la ninnananna.
Il movimento dell’acqua c’è, ma è lento lento
le rondinelle sono ormai sotto la capanna
non volano non cinguettano, dormono, non si sentono.

Commenti non consentiti.

Marcar Rimini
Ceccaroli
Composet
Michelotti Santini
Guest.it
Spazio Assiamica
cd arredamenti
ediltutto
riccionese tendaggi
carrozzeria artigiana
ranch saloon
Muccioli
cavalluccio marino
bottega imbianchino