Toponimi Costieri

giovedì, giugno 10, 2010
da famijarciunesa

TOPONIMI COSTIERI ITALIANI
Particolari da Riccione a Pesaro del 1878

Il patrimonio bibliografico relativo all’affascinante settore della cartografia nautica, si è recentemente arricchito di un’opera di notevole valore storico ed artistico, che  ritengo di dover segnalare ai lettori di Famija Arciunesa: mi riferisco al  volume  di Paola Presciuttini: “Toponimi costieri italiani nella cartografia dell’Istituto Idrografico della Marina”, uscito per i tipi delle Grafiche Amadeo Centro Stampa Offset di Imperia. L’autrice, già responsabile della Biblioteca specialistica dell’Istituto Idrografico della Marina, ossia l’ente cartografico di Stato, istituito nel 1873 a tutela della navigazione in mare, può vantare  significative pubblicazioni sulla cartografia storica italiana, dell’Europa, e del Mediterraneo, ed ha scritto numerosi articoli di argomento nautico, storico e bibliografico.Inoltre, Paola Presciuttini è appassionata amministratrice del sito web, da lei ideato,  www.sullacrestadellonda.it,  un sito di divulgazione marinara, preziosa fonte di informazioni che si consiglia vivamente  agli amanti del  mare nei suoi innumerevoli risvolti. A tal proposito: archeologia marina, subacquea, cartografia, torri costiere, musei marini, imbarcazioni, terminologia nautica, storie di navi, esplorazioni, miti, mestieri, ricette del mare,  e via dicendo, costituiscono solo  alcune delle  sezioni in cui si articola questa originale enciclopedia  del mare in rete, alla quale ci si può liberamente collegare, e che mira a diffondere la cultura marinara nel senso più ampio del termine. L’interessante saggio della studiosa genovese, oltre ad essere un repertorio sintetico di toponimi costieri italiani, di cui viene ricostruita sommariamente l’etimologia, è illustrato da alcune carte rappresentative del patrimonio cartografico del suddetto ente di Stato. A fianco delle più rinomate località di mare italiane, caratterizzate da antiche tradizioni, uno spazio non trascurabile è pure dato a Riccione,  nell’ambito della rappresentazione della costa adriatica di Romagna, e della confinante regione  Marche. Il litorale della nostra città viene, infatti, illustrato in un particolare della “Costa tra Riccione e Pesaro” relativa alla “Carta Costiera da Rimini a Senigallia…1878”.  Si tratta di un rilievo eseguito nel corso della spedizione idrografica diretta dal capitano di vascello Antonio Imbert, ufficiale preposto al coordinamento dei rilievi sistematici effettuati lungo le coste d’Italia, che rappresenta uno dei primi documenti cartografici eseguiti a pochi anni di distanza dall’unificazione  del Paese. La pubblicazione riporta altresì la costa riccionese in una veduta tratta dall’opera  “Das Adriatiche Meer”, Reichs-Marine-Amt, porzione di una carta nautica curata dal servizio marittimo tedesco, e pubblicata a Berlino nel 1910. Anche questa illustrazione, compresa in una carta nautica certamente diffusa tra i naviganti europei dei primi decenni del Novecento,  in cui compaiono oltre al litorale riccionese, le colline dell’entroterra con relative rocche, tra cui spiccano quelle di Gradara e Montefiore, ha un valore storico di rilievo per una località quale Riccione. Difatti,  non avendo mai potuto disporre di un molo in grado di accogliere imbarcazioni di una certa consistenza, a seguito soprattutto della conformazione geologica del suo sbocco in mare, la nostra città ha finito inevitabilmente per essere molto meno rappresentata nella cartografia  nautica, rispetto ad  altre località minori che, pur tuttavia, dispongono dai secoli passati di porti di una certa efficacia  per l’approdo delle barche pescherecce e da turismo.

Fosco Rocchetta

Commenti non consentiti.

Marcar Rimini
Ceccaroli
Composet
Michelotti Santini
Guest.it
Spazio Assiamica
cd arredamenti
ediltutto
riccionese tendaggi
carrozzeria artigiana
ranch saloon
Muccioli
cavalluccio marino
bottega imbianchino