Le stelle salgono!

mercoledì, ottobre 7, 2009
da famijarciunesa

Si moltiplicano a Riccione i progetti di riqualificazione alberghiera. Crescono le stelle, aumentano gli spazi e migliorano i servizi. Tra le strutture che hanno investito milioni di euro, moltiplicando le superfici,figurano anche il Corallo, il Roma e il Boemia, in viale Gramsci, dove in giugno, a cinque metri d’altezza, è stata inaugurata una piscina di vetro, sospesa in aria. E’ sostenuta da archi in acciaio che creano uno speciale effetto ottico. Il fondale di cristallo, infatti, consente di vedere chi nuota, anche dalla strada. L’idea del particolare specchio d’acqua, porta la firma del geometra Elvio Montanari che ha lavorato in tandem con l’architetto Giuseppe Bossio e l’ingegnere Loris Rinaldini. Come spiega l’albergatore Tony Amadori, contitolare del quattro stelle della Yes Hotel “per adeguarsi all’antincendio, si doveva costruire un vascone per l’acqua. Da qui l’intuizione di realizzare questa struttura a guisa di piscina, da usare anche d’inverno con sistema di riscaldamento e copertura. Amadori, che a Riccione ha gestito anche il Waldorf e il Savioli Spiaggia (anche questo prossimo alla demolizione e ricostruzione), nonché La Fiorita di Miramare, nell’albergo appartenuto a Olga Salsiccia e ad Attilio Cenni, sta allestimento anche un centro benessere con solarium, idromassaggi, saune, bagni turchi, docce emozionali e palestra all’aperto. Ambizioso e imponente il progetto dell’Hotel Corallo. E’ caratterizzato da un ponte di vetro che si erge a cinque metri d’altezza su viale Milano. Collega lo storico albergo alla nuova ala, costruita dall’altra parte della strada, dov’è già stata inaugurata la sala congressuale, al primo piano del nuovo edificio. Capace di accogliere 360 convegnisti, è stato predisposto in modo tale, da poter essere suddiviso in quattro salette per seminari. Terminate anche le sedici suite al terzo e al quarto piano con vista mozzafiato tra mare e collina. Salgono così a novanta le camere del prestigioso quattro stelle. Verso la conclusione il centro benessere, al primo piano, e l’ampia piscina. Il sogno che i fratelli Spadini coltivavano da tempo prende così forma. Quando tutta la struttura sarà ultimata, nell’edificio originario si creerà la piscina con il ristorante e sala giochi per bambini. Taglio del nastro, sempre in giugno, anche per il nuovo “corpo” dell’Hotel Roma, dove, oltre a otto camere a quattro stelle superiori con balconi di 10 metri quadrati, è stata ricavata una nuova sala con piscina soprelevata di 50 metri quadri e salone immerso tra il verde. La nuova struttura mette in diretta comunicazione l’edificio preesistente e il boulevard sul lungomare della Libertà. L’hotel per l’occasione è stato dotato di un parcheggio interrato che si collega direttamente con il tunnel, realizzato dal Comune a ridosso delle cabine. Il progetto, realizzato dall’architetto Della Rosa, ha richiesto un investimento superiore al milione e mezzo di euro. Non è tutto. Anche in questo caso gli operai lavorano a ritmo serrato per realizzare un centro benessere con ogni confort.

Nives Concolino

Commenti non consentiti.

Marcar Rimini
Ceccaroli
Composet
Michelotti Santini
Guest.it
Spazio Assiamica
cd arredamenti
ediltutto
riccionese tendaggi
carrozzeria artigiana
ranch saloon
Muccioli
cavalluccio marino
bottega imbianchino