17.9 C
Comune di Riccione
martedì, Settembre 28, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide
HomeStoria1920-19451944 come nacque la carbonara a Riccione con lo chef Renato Gualandi

1944 come nacque la carbonara a Riccione con lo chef Renato Gualandi

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

A Riccione è nata la carbonara. Il babbo del celebre piatto è Renato Gualandi, chef bolognese, che si inventò la ricetta,  recuperando quanto aveva di disponibile, in occasione di una cena per celebrare la liberazione a Riccione il 22 settembre del 1944.

Riccione patria della carbonara. A giurarlo è sempre stato lo chef bolognese Renato Gualandi che ha sempre sostenuto di aver preparato la ricetta in occasione di una cena di gala di liberazione dalle armate tedesche tenutasi il 22 settembre del 1944 all’hotel Vienna di Riccione.

Oliver Leese, Winston Churchill ed Harold Alexander a Monte Maggio, Italy, 26 Agosto 1944 (IWM.org.uk)

Per celebrare la liberazione le truppe alleate anglo-americane di stanza a Riccione si ritrovarono grazie all’iniziativa del comandante delle truppe canadesi generale Eedson Burns che ospitò presso il Quartier Generale dell’Hotel Vienna ospiti illustri come  il ministro Harold MacMillan, i generali Harold Alexader e sir Oliver Leese.

LA RICETTA DELLA PRIMA CARBONARA A RICCIONE

Il menù fu seguito proprio da Gualandi che creò gli spaghetti alla carbonara utilizzando bacon cotto in un po’ di burro, crema di latte e formaggio fuso, polvere di rosso d’uovo, spaghetti spolverati da una manciata di pepe macinato a fresco. Il piatto venne poi accompagnato da pezzetti di pane con prezzemolo per gustare fino in fondo il sugo piuttosto liquido della carbonara. Un piatto che ebbe un tale successo tanto da essere replicato a Bologna, in occasione della liberazione della città felisinea, con Gualandi in cucina per il Generale polacco Anders.

Lo chef Gualandi e la sua carbonara

RENATO GUALANDI DA BOLOGNA IN JUGOSLAVIA E POI A RICCIONE

L’esordio di Gualandi è nella cucina di una rosticceria poi scoppia la Seconda guerra mondiale e per Gualandi comincia tutta un’altra storia. Nel ’39 – come raccontò alla Piazza  – parte per la guerra. L’armistizio dell’estate del ’43 lo soprende ai confini della Jugoslavia. Insieme ad altri 4 compagni scappa. Tre vengono uccisi dai partigiani titini. Insieme al riccionese Bruno Polverelli raggiunge Ferrara. Impossibilitato a far ritorno a Bologna, con Polverelli, via Ravenna, in treno giunge a Rimini. A Misano lo aspettava Lucia Berardi, la morosa conosciuta a metà anni trenta.

Lavora per conto dei tedeschi al rafforzamento della Linea Gotica e poi diventa, arrivati gli Alleati diventa segretario del primo sindaco di Misano designato dal CLN. Gualandi ci ha lasciato nel 2016 all’età di 95 anni.

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?