17.9 C
Comune di Riccione
martedì, Settembre 28, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide
HomeStoriaanni '70Dino Sarti: “Viale Ceccarini Riccione, più che una via un’istituzione”

Dino Sarti: “Viale Ceccarini Riccione, più che una via un’istituzione”

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Il “salotto” di Riccione sulla bocca di tutti anche grazie al famosi brano del cantautore bolognese Dino Sarti, era il 1974! Perché non ricordarlo con una targa in Viale Ceccarini?

Era la metà degli anni ’80 quando nel mio ambulatorio entrò Dino Sarti. Era intimidito, timoroso, come quasi sempre accade ai pazienti che si trovano davanti un medico che non conoscono. Per me era un mito, il più importante rappresentante della musica dialettale bolognese, un cabarettista formidabile che era riuscito a sfondare in un ambiente difficile come il derby di Milano.

Dino Sarti durante un concerto in Piazza Maggiore a Bologna (foto Vittorio Costa).

Dino era anche uno scrittore brillante, un arguto giornalista e un bravo attore cinematografico. Ma era riuscito in un’impresa ancora più ardua: contro il parere di tutti, appoggiato dal sindaco Zangheri, organizzare un concerto in Piazza Maggiore per Ferragosto. E riempire la piazza. Il suo commento fu: “Me a dégh che al séndick l’è dvintè màt: fèr un spetàcuel propri incû che a Bulagna a gni è inciòn!” (“Io dico che il sindaco è diventato matto, fare un concerto proprio oggi che a Bologna non c’è nessuno”). Il risultato fu clamoroso, 30.000 spettatori il primo anno, 60.000 il successivo. La gente abbandonava i luoghi di villeggiatura, Riccione in primis, per tornare a Bologna ad ascoltare Dino Sarti. E così sarebbe accaduto per molti anni a venire.

“…le canzoni di Dino Sarti, hanno il sapore del pane all’olio e rispecchiano il carattere della mia gente”   (Enzo Biagi)

Divenimmo amici, anche perché ci univa un’amicizia comune: Corrado Castellari, un mio amico d’infanzia, che fu il mio primo chitarrista, poi divenne il leader nell’orchestra di Dino e scrisse la musica di quasi tutte le sue canzoni. Dino ebbe un rapporto molto affettuoso con Riccione, dove si esibì per molti anni in vari locali e a cui dedicò u na delle sue canzoni più note: “Viale Ceccarini, Riccione”.

Dino Sarti ed il suo gruppo a Riccione (foto Vittorio Costa).

E non deve meravigliare che la più famosa ed emblematica canzone su Riccione, l’abbia scritta un bolognese. I bolognesi, si sa, hanno sempre amato visceralmente Riccione.
Il testo della canzone, nonostante abbia quasi 50 anni, sembra scritto ieri e coglie alla perfezione lo spirito di chi ha vissuto quegli anni. “Viale Ceccarini, Riccione, più che una via è un’istituzione”.

Geniale! Peccato che Dino sia stato ingiustamente dimenticato.

L’ultima volta che lo vidi, una cena a casa mia, era un uomo solo, amareggiato e deluso. Credo che riccione dovrebbe ringraziarlo e dedicargli, sul viale che ha immortalato nella sua canzone e in cui si è esibito tante volte, almeno una targa (partecipa al sondaggio di FA).

Vittorio Costa

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?