17.9 C
Comune di Riccione
martedì, Settembre 28, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide
HomeNotizieStorieLa storia ultracentenaria della Farmacia dell'Amarissimo di Riccione

La storia ultracentenaria della Farmacia dell’Amarissimo di Riccione

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

La farmacia dell’Amarissimo ha una storia di oltre cento anni. Aperta dal dott. Cruari deve il suo nome ad Arnaldo Passerini che la rilevò nel 1922. Dagli anni ’50 la conduzione passo al dott. Enzo Innocenti, fino ai nostri giorni con in testa la dott.ssa Anna Innocenti e i suoi figli Federico e Giulio.

1912 APRE LA FARMACIA DEL DOTT. CRUARI

Riccione – La Farmacia dell’Amarissimo a metà degli anni ’20

Fin dal 1912, quando fu aperta dal dottor Cruari, è stata punto di riferimento per turisti e residenti che, oltre ad acquistare farmaci, avevano bisogno di semplici consigli. La farmacia dell’Amarissimo ha festeggiato il suo primo secolo di vita nel 1912 in concomitanza con il centenario dell’intitolazione del viale, in cui si trova, a Maria Boorman Wheeler Ceccarini.

Riccione 1925 circa – Il dott. Passerini posa davanti alla Farmacia. (foto amarissimo.it)

MA PERCHE’ POI DIVENTA FARMACIA DELL’AMARISSIMO?
Ma perché Amarissimo? Sulla vicenda, proprio in occasione dei festeggiamenti dei cento anni ha fatto luce il giornalista e scrittore Giordano Bruno Guerri, presidente della Fondazione Vittoriale degli italiani, intervenuto sul tema: “D’Annunzio e L’Amarissimo”. Il nesso tra il Vate e la storica farmacia riccionese? Come ha ricordato Guerri: “D’Annunzio, durante un banchetto d’anteprima della sua nave, fece un brindisi con personalità importanti, rischiando di far cadere il Governo. Per l’occasione disse: sono astemio, ma bevo all’Amarissimo dell’Adriatico”. Questo in riferimento al dominio austriaco in queste acque.

DA CRUARI A PASSERINI
Nel 1922, il dott. Cruari decise di mettere in vendita la Farmacia aperta dieci anni prima e trovò l’acquirente nel giovane Farmacista di Riccione Paese alla quale cedette l’attività per 69’000 lire, da pagarsi in due rate da 34’500 lire l’una.
Arnaldo Passerini, ammiratore del Vate Gabriele D’Annunzio, cambiò il nome in “Farmacia dell’Amarissimo”. La Farmacia Cruari di Viale Viola era così divenuta la Farmacia dell’Amarissimo di Viale Ceccarini, a Riccione che nel 1922 era diventata autonoma da Rimini.
Nel 1927, Arnaldo e Corinna Passerini ebbero la loro seconda figlia, Arnalda.
La Farmacia continuò per gli anni avvenire la sua attività: il dott. Passerini divenne vice-podestà del Comune di Riccione, alle dipendenze del Conte Pullè, podestà effettivo e venne incaricato inoltre di dirigere lo sfruttamento delle Fonti Termali del Beato Alessio, antenato di Riccione Terme.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

A differenza di quanto avvenuto nel corso della precedente guerra, il secondo conflitto mondiale aveva colpito pesantemente Riccione, per un periodo fu addirittura divisa in due dalla linea gotica che separava le Forze Alleate che avanzavano, da quelle Tedesche che ritiravano verso nord. Molte case, compresa quella del dott. Passerini furono requisite e utilizzate per scopi militari e i duri combattimenti costrinsero buona parte della popolazione ad abbandonare la Città e a cercare rifugio nei piccoli e più tranquilli paesi vicini.

ARNALDA PASSERINI ED ENZO INNOCENTI SI SPOSANO
Il dott. Passerini, aveva trovato alloggio temporaneo per sè e la famiglia, in una casa in affitto a Santa Maria del Piano, una piccola frazione del Comune di Morciano.
Alla “Madonna del Piano” abitava Tullo Innocenti, fratello maggiore di Enzo che in quel periodo gli stava dando ospitalità dopo il suo rientro dal fronte russo. Fu il caso a volere che il Dott. Passerini, scappando dalla guerra, trovasse come vicino di casa un giovane farmacista. Fu così che Enzo e Arnalda si conobbero e si sposarono, a guerra non ancora ultimata, il 18 febbraio 1945. Dal loro matrimonio nacquero tre figli: Paolo, nel 1945, Fabio nel 1948 e Anna nel 1955.

LA GUIDA DA PASSERINI AD ENZO INNOCENTI
Alla fine della guerra, il dott. Enzo Innocenti iniziò la sua lunga carriera all’Amarissimo, come Farmacista e Direttore della succursale di Viale Dante, che fu chiusa negli anni a venire a seguito dell’apertura della Farmacia Comunale 3.
Gli anni ’50 iniziarono però con la tragica notizia della morte del dott. Passerini all’età di 60 anni, la Farmacia passò quindi ad Enzo marito di Arnalda, non farmacista e per questo impossibilitata ad esserne titolare.

ANNI ’50 LA NUOVA SEDE IN VIALE CECCARINI
Uno dei primi provvedimenti fu il trasferimento in Viale Ceccarini in un nuovo stabile, costruito ad hoc, dove la Farmacia si trova tutt’ora. Sotto la gestione del dott. Enzo Innocenti, la Farmacia visse tutte le trasformazioni che la Farmacia italiana affrontò nei decenni a seguire.

 

Lo staff della Farmacia dell’Amarissimo agli inizi degli anni ’60. (Foto amarissimo.it)

Il Dott. Enzo Innocenti con lo staff della Farmacia, all’inizio degli anni ’70. (Foto amarissimo.it)

La Farmacia dell’Amarissimo e il personale, nel 1986, poco prima della ristrutturazione (Foto sito amarissimo.it)

Dal 1980 Enzo potè contare sulla collaborazione della figlia Anna, laureatasi in Farmacia in quell’anno. Nel 1987 la Farmacia venne ristrutturata e nel 1989 venne riqualificato anche Viale Ceccarini che da viale trafficato diventò il “salotto” pedonale di Riccione. Il dott. Enzo Innocenti se ne andò pochi anni dopo, il 6 luglio 1997, superando il traguardo dei 60 anni di Professione, dei quali ben 52 come titolare della Farmacia dell’Amarissimo.

ANNA INNOCENTI ED I FIGLI ALLA GUIDA DELL’AMARISSIMO
Alla morte di Enzo, la titolarietà passò alla figlia Anna che oggi la gestisce insieme ai figli Giulio e Federico Mignani, che rappresentano la quinta generazione di Farmacisti.

La dott.ssa Anna Innocenti, con i figli Federico e Giulio Mignani

 

Il contenuto dell’articolo è stato tratto in parte dal sito ufficiale della Farmacia dell’Amarissimo.

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?