15.9 C
Comune di Riccione
venerdì, Aprile 30, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide
HomeStoria1920-1945Teatro Sghedoni, poi Kursaal e per finire Teatro Dante

Teatro Sghedoni, poi Kursaal e per finire Teatro Dante

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

Il Teatro Dante rimane nel cuore di tanti riccionesi. La sua storia parte dai primi del ‘900 con l’intuizione del marchese Pietro Sghedoni ed il suo Teatro Sghedoni, poi arrivò Ceschina che contribuì con il Grand Hotel e il Teatro Dante allo sviluppo di Riccione.

Nel 1910 a Riccione viene inaugurato nel centro di Riccione il Teatro Sghedoni. Luogo di divertimento e cultura fu costruito, in muratura e legno, per volontà del Marchese Pietro Sghedoni che possedeva assieme alla moglie, Principessa Caterina Manankbey, una bella villa su Viale Viola (ora Viale Maria Ceccarini) nell’area dell’attuale Ristorante Diana.

Villa Sghedoni inizio ‘900

Teatro Sghedoni 1910

La villa nel tempo si trasformò in Albergo Diana ora sostituita da un residence. Il Marchese, per realizzare il suo progetto, acquistò l’intera piazzetta Vannucci, ricca di fabbricati ad uso commerciale che era adiacente alla villa e faceva angolo con Via del Porto (ora Viale Dante).

Successivamente il teatro prese il nome di Kursaal sino a quando, acquistato dal commendatore Gaetano Ceschina. Kursaal era un termine di moda a qual tempo e stava ad indicare un luogo o un edificio nato per ospitare attività variamente articolate di divertimento e di svago. Ogni centro turistico si cantava di avere il proprio e a riccione venne individuato il vecchi Teatro Sghedoni rilevato e  rimodernato appunto da Ceschina che in seguito battezzò Teatro Dante in ricordo del figlio tragicamente scomparso in un incidente. Sempre Ceschina nel 1929 aveva costruito il Grand Hotel a pochi passi in Viale Gramsci. Era luogo di balli e manifestazioni varie; furono rappresentate operette, commedie, avanspettacolo, opere liriche; proiettati film; organizzate feste sociali e incontri pubblici.

Fu, insomma, il centro culturale e sociale di Riccione per lungo tempo. Nel dopoguerra fu demolito tra il 1956 e il 1957 e sostituito dall’attuale struttura che al piano stradale ospita il ristorante-pizzeria Canasta, alcuni negozi e una banca.

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?