9.1 C
Comune di Riccione
martedì, Marzo 2, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide
Home Dialetto Zirudèle Al canoce te rio Melo

Al canoce te rio Melo

Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Al canoce te rio Melo

Fredo us era guadagnè la pensioun dèp una vita ad pèlvara e madòun punzì tla cariola e armistè te cimènt cucèra e caplèta sempre in muvimènt.

Adés l’eva snè gran voja d’èria fresca sla riva de rì, sèta l’èmbra dla frasca. Sla cana tal mène dasdé te scaranèin, l’onich rumor, l’aqua cla scòr pianèin.

E un gni frega gnint se i pès in bècca, ui basta la pèsa, guai ma chi u la tècca. Ma un dé us trova daprès al’impruvis un cris-cèn a scunquasè e su paradis.

Stil com una cana, s’j’èc da quajoun nès gnaf e la vosa strida da galaroun. Us guèrda d’intonda e po’ e scapa fura s’una frèsa ch’la meritaria una tortura.

“ Un si ciapa gnint, e fil l’è trop gros, l’esca bsègna butila a un metre de fòs.” Fredo l’arspènd per pura educazioun: “ Grazie, al tnirò in considerazioun”.

E la situazion las arpèt i dé seguènt. Per Fredo l’era e mors d’un sarpènt. Isè una matèina e fa un sèlt me port s’un’ idea da s-ciantè che becamort.

E tò mez chél ad canoce te scartòz “ Al sistém me che bròt bamboz!” Tl’èm dla cana l’infila la piò canaja e cagl’èlte a vrucis te sèc in bataja.

E quèl l’ariva sa cla facia da baldaz che tpansèvte :”L’è un vis de caz!”. L’arvènza instecunid a guardè e sèc sal canoce vive ch’l’is cavèva j’èc.

E quand Fredo l’èlza in èlt la cana sla canaja a strid come ‘na putèna. “Un è da créd!” e sfarfòja pidriand “Al canoce te rì…a stagh sugnand!”

“Che esca ‘t dovre, per fèle bichè?” S’un suris che j’abre i pò sbranchè Fredo e dis :” L’è facil, pori turdèin, léngua d’un pataca, fata a pizdèin!”

Le canocchie nel rio Melo

Fredo si era guadagnato la pensione dopo una vita di polvere e mattoni spingere carriola e rimestare cemento cucchiaia e secchia in eterno movimento.

Adesso aveva solo voglia di aria fresca in riva del rio, sotto l’ombra della frasca. Canna in mano seduto sul seggiolino unico rumore, l’acqua che scorre piano.

E non gl’importa se i pesci non abboccano gli basta la pace, guai a chi gliela tocca. Ma un giorno si trova lì all’improvviso un uomo a sconquassare il suo paradiso.

Secco come un canna, occhi da minchione naso camuso e voce stridula del gallastro. Si guarda attorno e poi se ne esce fuori con una frase che meriterebbe la tortura.

“Non si prende nulla, filo troppo grosso l’esca andrebbe gettata in mezzo al fosso”. Fredo risponde per pura educazione: “ Grazie, lo terrò in considerazione”.

E la situazione si ripete i giorni seguenti. Per Fredo era il morso di un serpente. Così una mattina fa un salto al porto con l’idea si spezzare quel beccamorto.

Mezzo chilo di cannocchie nel cartoccio “Adesso lo sistemo io quel bamboccio!”. Nell’amo della canna la più esuberante le altre avvinte nel secchio in battaglia.

Arriva con la faccia da spaventapasseri che pensavi :” E’ proprio un viso da c…!”. Rimane immobile a guardare il secchio con le cannocchie a cavarsi gli occhi.

E quando Fredo alza in alto la canna con l’esuberante che stride da puttana. “Non ci credo” sfarfuglia balbettando “Le cannocchie nel rio…sto sognando!”.

“Che esca adoperi, per farle beccare?”. Sorriso che le labbra possono sventrare Fredo dice: “ E’ facile, povero tordellino lingua d’un patacca, fatta a pezzettini”!

Giuseppe Lo Magro

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?