20.9 C
Comune di Riccione
lunedì, Settembre 27, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide
HomeStoriaanni '60Bomboloni, gelati e canditi in spiaggia...in bianco e nero

Bomboloni, gelati e canditi in spiaggia…in bianco e nero

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Oggi come ieri la spiaggia di Riccione è popolata dai venditori ambulanti di bomboloni, gelati e canditi. Un servizio partito da molto lontano, con tanti volti conosciutissimi dai riccionesi e dai turisti. 

 

Giuseppina Rinaldi “Pina ad Lòs”

Riccione ha una striscia di sabbia bagnata dal mare lunga 6.500 metri.
Nel corso degli anni è diventata una spiaggia tra le meglio attrezzate d’Italia. Apprezzata e frequentata per oziare, prendere il sole, chiacchierare, rilassarsi, giocare, divertirsi, conoscere e farsi conoscere, esibirsi, nascondersi, sognare e soprattutto… farsi “servire e riverire”.

 

Eggià, perchè in spiaggia ci si sente tutti dei “Re” grazie alle attenzioni degli esercenti balneari e alle offerte di ogni genere che ci allettano continuamente. La spiaggia è il regno delle tentazioni. Comodamente sdraiato su di un lettino puoi acquistare di tutto. Al giorno d’oggi per evitare tentativi di truffa e motivi di distrurbo ci sono molte regole e tante giuste limitazioni.

Secondo Tontini “Magnadorma”

Però, detto tra noi, ci mancano molto i personaggi del passato. I ragazzini che vendevano cartoline illustrate; le nonnine dei pizzi e merletti; pseudo pescatori con conchiglie, coralli e vongole vive; gli strilloni che sventagliavano giornali freschi di stampa; improbabili indovine che leggevano la mano; timorose contadine cariche di cesti di frutta fresca; giovanotti dai modi suadenti che ti proponevano l’affare della vita: il Rolex a prezzo stracciato.

Arturo

Soprattutto, ci mancano però gli slogan dei venditori di “luvirie” anche se ancora oggi in qualche modo resistono. Si annunciavano con frasi ad hoc… per essere riconosciuti da lontano… che l’acquolina lievitasse! Canditiiii… Vitamineeee… Bomboloniiii caldiii… Pippoooodolceeee… La bommmmbaaa… Croccantiiii… Piangete bambini che la mamma ve lo comperaaaaa…Vado via!

Epimaco Montemaggi “Viserba”

Alfredo Montebelli “Bilina” e la moglie

Giuseppina Rinaldi “Pina ad Lòs”, Epimaco Montemaggi “Viserba”, Secondo Tontini “Magnadorma” Alfredo Montebelli “Bilina”, Costantino Galli “Jonni”, Oreste Ruggeri “Pippo Dolce”, Eugenio Arcangeli “Barbéc”, Anna Morolli e Settimio Fabbri “Bomboloni. Di molti di loro siamo riusciti a raccogliere una foto ricordo.

Oreste Ruggeri “Pippo Dolce”. Per lui 29 stagioni spiaggia coni suoi canditi per i bambini….e gli adulti.

 

 

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?