4.7 C
Comune di Riccione
giovedì, Gennaio 20, 2022

Slide Slide Slide Slide Slide Slide
HomeStoriaOriginiDon Carlo Tonini ed il sogno del porto

Don Carlo Tonini ed il sogno del porto

Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Don Carlo Tonini è stato un personaggio importante per la comunità riccionese per il suo continuo impegno per la popolazione. Fu il primo a sollevare la questione del porto e dell’assoluta necessità della sua costruzione.

DON CARLO TONINI PER IL PORTO

Il progetto è la palificazione del Rio Melo. L’idea è di costruire un GUARDIANO sul Rio Melo alias Maranello in vicinanza del paese di Riccione a tutela delle barche di quel luogo, aggiudicata la spesa a Lire 8.000 essendosi già gli appaltatori sottoscritti per una palafitta di metri 50 nella marea dell’imboccatura, e metri 40 lungo il Rio. La marineria di quel luogo era pochi anni or sono composta di 14 legni, e nove battelli terrieri; ma purtroppo dopo che la ferrovia ha immiserito questo paese, sette barche con tutte le loro famiglie hanno emigrato per i vari porti della spiaggia dell’Adriatico, pronti però a ritornare al luogo natio appena piantato il primo palo per la costruzione del loro Guardiano.

LA RICHIESTA DI AIUTO AL GOVERNO

I Riccionesi per fare la loro palafitta al Rio Maranello dimanderebbero al Governo che la Tassa di Dazio-Consumo, e Cabottaggio venisse elargita per qualche anno a benefizio del loro Guardiano; pagano i tre Comuni di S. Clemente, Misano e Coriano per porto di Rimini, venisse elargito a benefizio della costruzione della palafitta di Riccione, tanto più che tutto il pesce che si prende a Riccione va smerciato in quei tre Comuni per li bisogni di quelle popolazioni.

L’INSUCCESSO

Il cerchio dei finanziamenti non si chiude e don Carlo deve ammainare bandiera abbandonando l’idea di veder nascere un porto a Riccione, per questo almeno 35 famiglie di pescatori sono costrette a lasciare Riccione, allora ancora sotto il Comune di Rimini. Solo dopo la sua morte e grazie a Maria Ceccarini si arrivo ad un primo risultato. Di certo Don Carlo Tonini è stato però il primo a sollevare concretamente il problema.

Negli anni a seguire le proteste si infittiscono e, a volte, finiscono sulla cronaca locale. Un esempio è del marzo 1874 sulle pagine del “Nettuno”.

Un nostro amico ci scrive da Riccione una lunga lettera, che noi per amore di brevità riassumeremo così. – Che in Riccione vi è una miseria estrema in vista anche della colpevole trascuran- za del Comune di Rimini per quello sventurato paese, il quale potrebbe migliorare se il Municipio pensasse sul serio a quanto può abbisognare.

Più volte i riccionesi fecero istanza al Municipio di Rimini e al governo perché si facesse un piccolo porto in Riccione affine di migliorare la condizione dei pescatori i quali formano la maggior parte della popolazione e recano colla loro industria molto utile a tutto il paese. In Riccione vi sono 13 barche da pesca del pesce e 14 barchette per la pesca delle poverazze, e se si faceva il porto, ogni proprietario di barca aveva promesso di fare sette viaggi caricando i sassi per la palizzata, e inoltre di dare ciascuno L. 100; ogni proprietario delle barchette avrebbe dato L. 25 e fatto tre o quattro viaggi di sassi.

Il Governo avrebbe sborsato il terzo della spesa, ma il Comune di Rimini fu sordo alle preci di quei miseri abitanti, per la qual cosa 34 o 35 famiglie di pescatori furono costrette di andare a domiciliarsi a Cattolica, Rimini e Cesenatico. Se si facesse il porto, quelle fa- miglie ritornerebbero nel loro paese e darebbero così anche utile al Comune di Rimini, perchè quasi tutte sono proprietarie di una barca. Inoltre il porto a Riccione servirebbe molto bene come luogo di rifugio delle barche pescareccie nel caso di burrasca, e specialmente per quelle che non potendo venire a Rimini si dirigessero alla volta di Cattolica ove essendovi vicino il monte, potrebbero incontrare qualche pericolo. 

Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?