15.2 C
Comune di Riccione
venerdì, Marzo 1, 2024

Slide Slide Paolucci Web Agency Riccione Slide Slide Slide Slide Slide
HomeStoria1920-1945Giorgetti, il mago del cemento e dei mattoni

Giorgetti, il mago del cemento e dei mattoni

Slide Paolucci Web Agency Riccione Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Paolucci Web Agency Riccione Slide Slide Slide Slide Slide

Giorgetti, il mago del cemento e dei mattoni riproduceva tutto, tranne…

“Una testa come la tua, un la fa gnènca Giorgetti”. Una testa come la tua non la fa neanche Giorgetti. Tra i riccionesi delle generazioni passate era una frase che ricorreva ogni qualvolta si reputava necessario dare del “supercretino” a qualcuno. Perché Guerrino era un così valente modellatore cementista che tutto sapeva riprodurre grazie alle sue eccelse qualità artisti che tranne… l’imbecillità che il tizio aveva appena mostrato.

Guerrino Giorgetti giunse a Riccione in giovane età e fu ben accolto dalla popolazione residente perché dimostrò tante qualità morali. Gran lavoratore, padre benevolo, predisposto per aiutare i più bisognosi, amante della semplicità, col sogno di una società migliore che mai lo abbandonò.

Per un certo periodo frequentò lo studio romano dello scultore Quattrini, che gli fu maestro e lo aiutò ad indirizzare al meglio l’innata ed estrosa creatività. Si costruì casa con pazienza, facendosi i mattoni in cemento e abbellendola a più riprese. Disegnò e realizzò personalmente in ferro il cancello e la cancellata che la ornarono, suscitando l’ammirazione di tutti (e a dire il varo anche qualche invidia). 

Guerrino Giorgietti, nato a Sant’Arcangelo di Romagna si spegne a Riccione.

Giorgetti riscuoteva ammirazione anche per la sua dirittura politica. Abbracciò l’idea socialista con entusiasmo, vivendola criticamente per poi sfociare in quella comunista. Non era tipo da abbassare la testa o subire illusori convincimenti propagandistici, di conseguenza si ritrovò nella lista dei perseguitati politici e non di rado costretto a superare le soglie della galera. Periodi amari che non ne scalfirono l’indomabile integrità e non gli impedirono di lasciare innumerevoli testimonianze del suo talento.

Di lui si diceva “Gran lavoratore, padre benevolo, predisposto per aiutare i più bisognosi, amante della semplicità, col sogno di una società migliore che mai lo abbandonò”

A tal proposito è bene ricordare: oltre la magnifica panchina di Villa Franceschi gli altri numerosissimi ornamenti; il frontone e il cancello dell’Hotel des Bains; colonne e capitelli della chiesa Mater Admirabilis e, in numero incalcolabile, porta- fiori, vasi, cornicioni e cancellate sparsi nelle ville della Marina.

       Dettaglio della panchina di Villa Franceschi

 

Cancello del De Bains, hotel 5 stelle di Riccione

Slide Slide Paolucci Web Agency Riccione Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Paolucci Web Agency Riccione Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?