9.4 C
Comune di Riccione
lunedì, Marzo 8, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide
Home Dialetto Poesie Grancèla, il cameriere più svelto della terra.

Grancèla, il cameriere più svelto della terra.

Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

GRANCÈLA

“Grancèla” l’era e camerièr
piò svelt ch’j’era sla tera.
Ut purteva una béra o un cafè
prima ancor t’iavèss urdinè.
L’era pulid, eleghènt e rafìnèd,
l’era e “metr” piò bel che fós mai ned. Un difèt però u’l’avèva,

l’alzèva e gòmte, cioè e bivèva.
Una sera ch’jera una nebia
ch’l’as tajeva se curtèl,
da via dei Mille, propie in fend e vièl un ved e sotpasag, un s’nè incort

e s’la su “Douphine”
e fnès s’un tóf dreinta te port.
“Grancèla” u s’afacia me spurtèl
s’l’acqua ch’la jarviva
piò o mench me barbazèl.
E scapa, e nudànd tòt vistid cumè che l’era e dis: “Oscia che umidità ch’ujè stasera!”.

GRANCÈLA

“Grancèla”(1) era il cameriere
più svelto che cera sulla terra.
Ti portava una birra o un caffè, prima ancora che Vavessi ordinato. Era pulito elegante e raffinato,

era il “Maitre” più bello che fosse mai nato. Un difetto però l’aveva,
alzava il gomito, cioè beveva.
Una sera che cera una nebbia

che si tagliava col coltello
in Via dei Mille, proprio in fondo al viale,
non vede il sottopassaggio, non se ne accorge e con la sua u”Douphine”(2)
finisce con un tuffo dentro il porto
“Grancèla” s’affaccia allo sportello,
con l’acqua che gli arriva più o meno al mento, esce e, nuotando tutto vestito così comera, dice: “Ostriga che umidità che c’è stasera!”.

(1) Personaggio realmente esistito. 2) Auto francese degli anni J60.

Edmo Vandi

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide
Articolo precedente“Lavaporisec ” di Elvira Ricci
Articolo successivoE pasa e temp!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?