15.1 C
Comune di Riccione
giovedì, Maggio 6, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide
HomePersonaggiRiccionesi"Marco il filosofo" Giovanni Marcaccini

“Marco il filosofo” Giovanni Marcaccini

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

Giovanni Marcaccini, detto “Marco il filosofo”, è stato un vero e proprio personaggio. Mitica la storia delle canocchie e quel modo tutto suo di prendere la vita.

Lo chiamavano “Marco il filosofo” ma il suo vero nome era Giovanni Marcaccini e ha vissuto una vita da osserva- tore e commentatore caustico e faceto. Partito come fale- gname aveva passato gli ultimi anni a vendere bomboloni sulla spiaggia (in estate) e davanti alle scuole (in inverno), sempre assieme all’inseparabile moglie Maria. Non era un grande lavoratore, oggi si direbbe “un razionale”.

Passava molto del suo tempo in meditazione sulle cose giuste o ingiuste della vita. Quando appena alle dieci del mattino era gia nell’osteria o dal barbiere a leggere il giornale, diceva che aveva interrotto il lavoro in falegnameria perché aveva già rifinito due gambe di tavolo e quindi guadagnato quanto occorreva per comprare tre bistecche, una per la Maria, una per il figlio Luigino e una per lui.

MARCO IL FILOSOFO A CACCIA
“Ne mangiassimo sei -diceva- ne avrei fatte quattro di gambe ma più di tanto non ci occorre e quindi per stamattina sono a posto cosi”. Andava a caccia con il cane seduto nel cestello anteriore del motorino, ma non spa- rava mai. Un giorno, nella Piana di Baldin, chiese ad uno appostato in attesa delle allodole: “...Bè cum agl’iè og?” e l’altro: “Oscia agl’iè cative!” e lui: “T’sarè bon te che ti tir”.

Sosteneva che l’uomo moderno non e il discendente intelligente della scimmia poichè la scimmia non raccoglie mille noci di cocco per un padrone che poi, quale ricompensa, glie ne da una.

LA STORIA DELLE CANOCCHIE
Quando i fiumi avevano ancora l’acqua e nell’acqua c’erano ancora i pesci, Marcaccini pescava nel Rio Melo a Santandrea in Besanico. Un vecchietto passava tutti i giomi e sbirciava nel “carniere” per vedere i risultati, sempre scarsi, della pesca, allontanandosi poi con un sorriset- to di compatimento.

“Marco” s’indispettì e un giorno comprò un chilo di canocchie ancora vive e le mise nel carniere mentre una l’appese al filo immerso nell’acqua. Puntualmente il vecchietto anche quel giorno passò e fece due occhi così quando vide le canocchie muoversi nel recipiente e ancora di più quando ne vide estrarre un’altra dall’acqua. Disse: “Per la Madona! L’e stent’an ch’a pas ichè, mo l’è la prima volta ch’a vègh pischè al canoce te rì. L’e propie vera che e mènd e va d’arvers!”.

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?