20.2 C
Comune di Riccione
mercoledì, Maggio 12, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide
HomeDialettoPoesiePoesia di Natale di Edmo Vandi

Poesia di Natale di Edmo Vandi

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

Nadèl sla strèda

Invilinèd da e vent ad mell benzine
tla curva d’una streda naziunèla,
un maz ad fiùr lighèd s’un fil d’argènt
s’una bandèla
mess i lè da genitùr
ad nota te scùr
per arcurdè un fiùl
giovne e suridènt
chl’è mort un dè t’un incidènt.

E pasa e temp, è cambia al stasòun,
s’la piova e vent e sol liòun,
ma i fiùr j’è sempra i lè,
fresch, culurèd, se fil d’argènt
ch’è lus ad dè me sol
e ad nota mi spraj ad quei ch’i pasa.

E quand è ven Nadèl
un albarèl l’arìva per inchènt
azchènt me maz di fiùr
s’al paleine culurède, la niva finta
e s’la cima un angiulèin tot biench
lighèd s’un fil ad strisulìne.
Invilinèd da e vent ad mell benzine.

 

Natale sulla strada

Avvelenato dal vento di mille benzine
nella curva d’una strada nazionale,
un mazzo di fiori legato da un filo d’argento,
da una fettuccia,
messo lì da genitori
di notte al buio
per ricordare un figlio
giovane e sorridente
morto un dì in un incidente.

E passa il tempo e cambian le stagioni
con la pioggia, il vento, il solleone,
ma i fiori sono sempre lì
freschi, colorati, con un filo d’argento
che riluce di giorno al sole
e di notte ai fari di quelli che passano.

E quando viene Natale
un piccolo alberello arriva per incanto
accanto al mazzo di fiori
con le palline colorate, la neve finta
e con in cima un angioletto
legato con un filo di striscioline.
Avvelenato dal vento di mille benzine.

Edmo Vandi

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?