20.3 C
Comune di Riccione
lunedì, Giugno 5, 2023

Slide Slide Slide Slide
HomePersonaggiRiccionesiSergio Semprini promessa riccionese del ciclismo italiano

Sergio Semprini promessa riccionese del ciclismo italiano

Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide

Sergio Semprini, classe 1930, è stato uno dei più grandi ciclisti che la Perla Verde abbia visto nascere.

GLI INZI CON IL FEDELE SCUDIERO MARA
Sergio Semprini iniziò a correre a Riccione da giovanissimo seguito dal suo fedele scudiero, il cugino Mara massaggiatore e super tifoso, vincendo parecchie gare nella categoria Allievi. Andava forte Sergio e passato Dilettante arrivò puntuale la prestigiosa convocazione in azzurro per partecipare con la nazionale all’impegnativa Varsavia-Berlino-Praga.

Sergio Semprini

LA NAZIONALE
Semprini passista e velocista in continua crescita catalizzò l’attenzione dell’allora C.T. della nazionale maggiore Giovanni Proietti. Si ritrovò così a gareggiare insieme ai big del ciclismo italiano come Fabbri, Zucconelli, Ciancola, Bruni, Ranucci e Baldini. Volava Semprini, lasciando presagire una carriera fatta di tante soddisfazioni.

IL TRIONFO NELL’ANCONA-PESCARA
Tra le vittorie memorabili da dilettante a Riccione ancora ricordano quella dell’Ancona-Pescara del 12 aprile 1953 alla spaventosa media oraria, ancora imbattuta, di 45.9, insomma la “La freccia dell’ Adriatico è diventata razzo” titolavano i giornali sportivi di allora.

132 i partenti con Semprini protagonista in volata sul Lungomare di Pescara capace di regolare il gruppo con un imperioso allungo in grado di battere anche Villa e Bruni, entrambi sul podio.

IL DESTINO VOLTA LE SPALLE A SERGIO
Ma il destino ad un certo punto voltò le spalle a Sergio che già con il contratto in tasca da professionista per la Legnano durante l’ultima gara della stagione da dilettante fu travolto da un’automobile. Semprini uscì dall’incidente malconcio e con diverse fratture. Cercò di ritornare ai livelli precedenti con una volontà ferrea, ma la “gamba” che faceva la differenza non torno mai più e così, quello che sembrava un profilo destinato a diventare un campione del ciclismo, incominciò la carriera d’mprenditore edile.

Sergio Semprini ci ha lasciati qualche mese fa all’età di 92 anni ma il suo ricordo grande corridore è sempre vivo tra i riccionesi.

Francesco Cesarini

Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?