27.2 C
Comune di Riccione
martedì, Luglio 27, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide
HomeStoriaDopoguerraA Riccione tra le sofferenze della guerra nasce la storia d'amore tra...

A Riccione tra le sofferenze della guerra nasce la storia d’amore tra Adriana ed Eligio

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Anche tra i drammi della Seconda Guerra Mondiale fiorisce l’amore. La storia d’amore nata a Riccione tra il reduce dal gelo della Russia Eligio Civolari e Adriana Angelini.

Seconda Guerra mondiale. Distruzione, morte, ferite, dolore, lutti, angosce, terrore…. In un quadro così apocalittico ci sono stati, fortunatamente, incontri dai quali è nato l’amore, quel sentimento che offre speranze alla vita e fa intravedere un futuro di pace.

I FERITI E LE VOLONTARIE A RICCIONE
Uno di questi momenti è accaduto a Riccione, ai confini con Rimini, in una colonia marina ( con molta probabilità era la Dalmine). In una di quelle strutture che solo qualche anno prima ospitava gioiosi bambini in vacanza al mare, per salutari bagni di mare e di sole, e che ora allineava, nei grandi cameroni e in ogni angolo utile, letti raccogliticci su cui erano stesi i sofferenti soldati italiani reduci dalle linee di combattimento.

Chi marchiato da orrende ferite causate da pallottole o schegge e chi aggredito dalle conseguenze dell’essere stato immerso, senza validi ripari, nel gelido inverno della sconfinata Russia.

IL DRAMMA ELIGIO CIVOLARI
Tra questi ultimi, Eligio Civolari, un ragazzo di Verona, sguardo vivo, carattere aperto e sorriso contagioso…nonostante la fresca amputazione di entrambe le gambe sotto il ginocchio, unica via per stroncare una cancrena altrimenti famelica.

L’intero corpo infermieristico, costituito da ragazze riccionesi volontarie, indaffaratissime nell’alleviare le pene di quei giovani e attente nell’esprimere giuste parole di conforto, davanti a lui si trovava “spiazzato”…

ELIGIO CONOSCE ADRIANA ANGELINI ED E’ AMORE
Eligio non si lamentava mai, anzi dirottava su altri compagni di sventura le attenzioni che riteneva superflue. Tanto altruismo, in tempi di esasperato (e giustificato?) egoismo, impres- sionò favorevolmente uno di questi “ angeli in divisa bianca”: Adriana Angelini;

1948 – Finalmente sposi.
Adriana ed Eligio all’uscita dalla chiesa Mater Admirabilis – Riccione Marina. Alle loro spalle il nipote di Adriana Andrea Carlo Corazza.

Adriana incominciò a soffermarsi con sempre maggiore frequenza, a contraccambiare sorrisi, a raccontare e farsi raccontare la storia personale… ad aprirsi a intime confidenze e aspettative per il futuro. E nacque l’amore, più forte di tante traversie.

ELIGIO E ADRIANA SPOSI

Ci fu un periodo di distacco quando Eligio fu trasferito per verificare la validità delle protesi e poi la felicità di rivedersi e di unirsi in matrimonio.

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?