4.5 C
Comune di Riccione
martedì, Marzo 2, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide
Home Dialetto Poesie A spuslèina te bidoun

A spuslèina te bidoun

Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

 

A spuslèina te bidoun

L’è una roba da nu cred
si giurnèl, cus’è che’t véd.
Un marid suspètos
e vin a chèsa silènzios
e u la trova insèn m’un ènt
ilè te lèt, tòt dò cuntènt.

Mo intènt che quèl e scapa
e marid un lanzul e ciapa
ul sbrandèla, e fa tòt tridèl
e da un chèlc ma l’urinèl.
Po’ u la lega, mène e pì
e sal spale us la porta drì.

E va giò, lèngh la strèda
sa lia nuda e sbalutèda,
e t’un casoun dla mundèza
u la infila, che tristèza!
Se la storia la va in piaza
e i marid curnud i scupiaza

da butile drèinta i bidoun
un si sèlva piò nisoun.
Tla mundèza a sbarlucè e una “natura” garavlè
o grasocia o sicarlèina
purchè sia spirlimpèina.

La sposina nel bidone

E’ una cosa danon credere
sui giornali cosa puoi vedere.
Un marito sospettoso
viene a casa silenzioso
e la trova con un altro
lì nel letto, assai contenti.

Intanto che quello scappa
il marito prende un lenzuolo
e lo fa a brandelli, a pezzettini
e da un calcio all’orinale.
Poi la lega mani e piedi
e sulle spalle la porta con sé.

Va giù lungo la strada
con lei nuda e sballottata
e in un bidone dell’immondizia
la infila, che tristezza!
Se la storia finisce in piazza
e i cornuti la scopiazzano

di buttarle tutte nei bidoni
non si salva più nessuno.
Nell’immondizia a scrutare
e una “natura” rimediare
o grassoccia o secca secca
purchè sia senza remore.

Vittorio Mazza

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?