13.6 C
Comune di Riccione
venerdì, Marzo 5, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide
Home Notizie Territorio Consegnato all'Ospedale Ceccarini l'ecografo portatile Vscan Extended

Consegnato all’Ospedale Ceccarini l’ecografo portatile Vscan Extended

Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Il nuovo ecografo donato da Famija Arciunesa servirà sia per la diagnosi a domicilio dei pazienti con polmonite interstiziale che per interventi di emergenza sulla strada nella valutazione dei politraumi.  

Questa mattina presso l’Ospedale Ceccarini di Riccione si è tenuta la consegna ufficiale dell’ecografo Vscan Extended del valore di 6.222 euro donato da Famija Arciuesa grazie alla raccolta fondi “Riccione contro il Coronvirus” che ha registrato ben 948 singole donazioni, raccolti complessivamente oltre 100 mila euro.
Lo strumento verrà utilizzato dal personale del 118 ed arriva dopo la donazione delle mille tute anti contagio e dell’ecografo Sonosite SII del valore di 25.620 euro consegnato due settimane fa al reparto di rianimazione e terapia intensiva. In arrivo anche due ventilatori polmonari.
Tiziana Perin direttrice dell’unità operativa di “Pronto soccorso e Medicina d’urgenza” di Rimini, e Bianca Caruso direttore Sanitario Ospedale Ceccarini, hanno ringraziato tutti i donatori sottolineando l’utilità delel’ecografo portatile, il cui acquisto è stato concordato da Famija Arciunesa con gli stessi medici. Mauro Fallani, Primario Pronto Soccorso Ospedale Ceccarini Riccione, ha inoltre evidenziato come queste innovative strumentazioni siano di grande supporto nell’emergenza.
“L’ecografo portatile è di ultima generazione ed ha una sonda doppia” ha specificato Davide Manfroni medico del 118 che ha seguito direttamente la donazione ed anche il collaudo dello strumento (video)“permette lo studio del torace e dell’addome, risultando utile nella valutazione dei pazienti con polmonite interstiziale da Covid a domicilio ma anche di valutazione primaria nei politraumi, direttamente sulla strada e poi con tante altre applicazioni”.
“Oggi si rinforza ancora di più il legame del territorio con il nostro ospedale” ha detto Francesco Cesarini Presidente di Famija Arciunesa “non un semplice contenitore che fornisce prestazioni ma una realtà in grado di suscitare grande senso di appartenenza nei riccionesi per le capacità professionali ed umane del suo personale. Ora la raccolta fondi continua a sostegno delle famiglie in difficoltà. Un grande grazie a tutti coloro che hanno sostenuto e sosterranno la raccolta”.

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?