15.1 C
Comune di Riccione
giovedì, Maggio 6, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide
HomeGiornaleNotizieDon Davide: “Porto con me i volti di tutte le persone incontrate”

Don Davide: “Porto con me i volti di tutte le persone incontrate”

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

Don Davide Arcangeli ha lasciato la parrocchia di San Lorenzo per entrare nei Gesuiti a Genova. “Ricorderò la passione educativa di tanti adulti e giovani per i più piccoli”. Don Davide: “Porto con me i volti di tutte le persone incontrate”.

LA SCELTA

E’ un’idea che aveva in cuore fin dagli anni del semina- rio, ora la decisione di darle compimento. Don Davide Arcangeli (classe 1979), vicario parrocchiale di San Lorenzo di Riccione, nonché direttore dell’Apostolato Biblico Diocesano e docente dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Rimini-San Marino.

A dieci anni dall’ordinazione sacerdotale ha lasciato ogni incarico per trasferirsi a Genova al Noviziato della Compagnia di Gesù. Una scelta importante e coraggiosa che, se da un lato ha generato gioia, d’altro canto ha rattristato i parrocchiani.

DON DAVIDE E SAN LORENZO

Don Davide era un importante punto di riferimento soprattutto per i ragazzi, molto apprezzato per il suo essere socievole e vicino alla gente e per la sua spiritualità. Il parroco, don Agostino Giungi, alla guida di circa 7000 anime e tre chiese, rimasto solo, per la pastorale giovanile conta sulla collaborazione della zona pastorale AlbaMater.

Ma anche i parrocchiani dovranno rimboccarsi ulteriormente le maniche, perché i sacerdoti in diocesi sono sempre meno numerosi.

Com’è stata accolta la sua scelta in Diocesi?
“Il vescovo Lambiasi ha seguito il mio discernimento e ha accolto questa decisione, dandomi la sua benedizione. Così per il 4 ottobre ho fissato il mio trasferimento a Genova”.

UNA DECISIONE CHE PARTE DA LONTANO

Com’è giunto a questa decisione? “Il tutto è partito da intuizioni ed esperienze che ho cominciato a fare dodici anni fa nel mese ignaziano, con una straordinaria e prolungata esperienza di preghiera e silenzio.

Nel 2010, diventato prete, sono stato chiamato a prestare servizio a San Lorenzo, missione svolta con la convinzione di poter vivere la spiritualità ignaziana in parrocchia e nei servizi diocesani, finche negli ultimi tempi le esperienze fatte nelle realtà apostoliche della Compagnia di Gesù, a Scampia, a Catania e a Bologna, mi hanno convinto a fare questo passo”.

San Lorenzo cosa le dato? “La parrocchia mi ha fatto maturare molto come uomo e come prete. Ho accompagnato tanti ragazzi nella loro crescita, dal catechismo alla maggiore età con uscite, convivenze, campeggi, un paio di missioni in Africa e cammini ordinari nei gruppi. Una ricca e positiva esperienza”.

Che ha incluso i ragazzi de muretto! “Intercettarli in piazza e cogliere la loro risposta positiva ai nostri inviti, è stato davvero bello. Ritengo che nulla, né alcool, né droga, né disastri familiari, né bullismo possano dav- vero nuocere ai ragazzi, se trovano qualcuno che ripone fiducia in loro”.

CON I RAGAZZI SULLE ORME DI DON TONINO BELLO

Con i giovani sanlorenzini quest’estate ha fatto una singolare esperienza… “Siamo stati in Puglia tra Tricase, Molfetta e Alessano, sulle orme di don Tonino Bello. Abbiamo visitato i luoghi nei quali il noto vescovo ha esercitato il suo ministero e le testimonianze di quanti l’hanno conosciuto, Un’occasione per riflettere sulla possibilità di dare la propria vita per valo- ri sacri e importanti come verità, fede, per gli altri e per i poveri”.

IL REGALO DEI PARROCCHIANI

Nel salutarla, i parrocchiani, oltre a donarle un set per celebrare messa ovunque si trovi, hanno avviato una raccolta fondi per lei, ma quei soldi andranno altrove? “Ho ritenuto opportuno devolvere quel danaro a una parrocchia di Beirut, dove diverse famiglie il 4 agosto sono state colpite dalla devastante esplosione (che ha causato oltre 200 morti e 7000 feriti). Saranno recapitati tramite suor Abir Hanna, agostiniana di Pennabilli, a contatto diretto con la parrocchia”.

Cosa porterà con se dell’esperienza riccionese? “Soprattutto i volti di tante persone che ho accompagnato nel loro cammino, poi la passione educativa di tanti adulti e giovani che si spendono per i più piccoli, nonché la rete positiva creata con gli altri sacerdoti di Riccione e col Comune per i ragazzi. Così pure le tante relazioni di stima e collaborazione nate nel tempo, che continueranno nell’amicizia e nella preghiera reciproca”.

Nives Concolino

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?