19.3 C
Comune di Riccione
domenica, Maggio 9, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide
HomeDialettoPoesieTótt è biènch dal bandiere

Tótt è biènch dal bandiere

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

Tótt è biènch dal bandiere

Per Nadèl al fòie dl’amòr
ancora al caschèva,
li s’era arèse adès, finalmènt
e l’era dòp mizdè
at cl’ora che al robe li s svùida.  
La niva la scriveva sora i tèt e al ringhiere 
e ogni parola la splindèva, élta. 

At cla pèsa mé a circhìva e’ bèn, 
te tu stè zèt e di èbre 
ch’i s lasa pighì da la niva. 
A cmanzèva a capì che u n s’po’ savè 
quèl ch’u i è drèinta al robe
tl’amòr, tla gènta. 
Com’al fòie dl’amòr, finalment
a m arèndeva me splendòr dla niva. 

 

Tutto il bianco delle bandiere

A Natale le foglie del gelso
cadevano ancora,
adesso finalmente arrese 
ed era subito dopo il pranzo
in quell’ora in cui le cose si svuotano.
La neve scriveva sui tetti e le ringhiere
e ogni parola risplendeva alta.

In quella pace io cercavo il bene,
nel tuo tacere e degli alberi
che si lasciano piegare dalla neve.
Iniziavo a capire che non si può sapere
che cosa sta dentro alle cose
nell’amore, nella gente.
Come le foglie del gelso, finalmente
mi arrendevo allo splendore della neve.

(Amòr è l’amore, ma anche il gelso, l’albero delle more)

Francesco Gabellini

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?