20.6 C
Comune di Riccione
martedì, Agosto 9, 2022

Slide Slide Slide Slide
HomePersonaggiIvonne Berardi, ostetrica speciale

Ivonne Berardi, ostetrica speciale

Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide

Ivonne Berardi, figlia di Esperia Lugaresi, come la mamma ha legato il suo nome a Riccione per la sua attività di ostetrica. Conosciutissima e stimata ha fatto nascere centinaia di riccionesi, tra questi anche dieci nipoti.

Ha aiutato a nascere centinaia di riccionesi, tra i quali una decina di nipoti. Una “missione” davvero importante quella di Ivonne Berardi, nata a Riccione il 5 marzo 1929 e venuta a mancare il 28 gennaio 2009.

Figlia di Esperia Lugaresi (1894 –1954), altra nota levatrice, l’unica di Riccione nella prima metà del secolo scorso. Ivonne è passata alla storia, come donna di grande coraggio e umanità. Sin da giovane, quando ha iniziato a praticare il suo mestiere, il suo obiettivo è sempre stato quello di far venire alla luce i bimbi, cercando di alleviare il più possibile doglie e ansie delle mamme.

OSTETRICA, SEMPRE AL FIANCO DELLE MAMME

“Mia madre – racconta la figlia Margherita – all’inizio del suo lavoro faceva nascere i bambini nelle case. Poi è stata assunta a Villa Contarini a Rimini. Faceva andare lì le signore prossime al parto, quando erano già pronte, non voleva che facessero lunghe attese. Oltretutto non le lasciava mai sole con le proprie doglie e sofferenze. Le aiutava anche manualmente, evitando l’agitazione”.

Tecniche che ha adottato anche in casa sua, quando Margherita il 7 febbraio 2001, ha deciso di far nascere la sua terzogenita Emily Tosi, in casa e non in ospedale. Un evento esclusivo. Della bravura di Ivonne erano a conoscenza anche le turiste.

IVONNE OSTETRICA ANCHE PER LE TURISTE

Così negli anni Settanta una signora bolognese sul punto di dare alla luce a Riccione la sua creatura la volle al suo fianco. “La mamma era molto altruista – riprende Margherita – una volta per aiutare in ospedale una parente che non stava bene, rimase fuori casa per due mesi. Era una donna forte, infondeva tanto coraggio. Fin da piccola è stata abituata ad affrontare le avversità della vita. Ha perso il padre, due sorelline ed un fratello di 19 anni, quand’era ancora bambina”.

DA BAMBINA COSTRETTA A CRESCERE IN FRETTA

Così Ivonne è stata costretta a crescere in fretta, ma senza mai perdere la sua spensieratezza. Nel settembre del 1948 convolò a nozze con Antonio Tonini, stimato imprenditore edile. Ivonne, intanto, si dedicava con amore alla sua professione. Al tempo trascorso tra cicogne, mamme e bebé, Ivonne intrecciava il suo menage familiare.

Il marito Antonio, che aveva conosciuto quando ancora andavano a scuola, le aveva dato quattro figli, Ionner, Vanes, Esperia e Margherita, dai quali sono poi nati dieci nipoti e sei pronipoti, tutti riuniti per festeggiare le Nozze di diamante: sessant’anni di matrimonio.

IL RICORDO DEI RICCIONESI

I riccionesi ancora adesso ricordano Ivonne come donna semplice, coraggiosa, allegra e altruista. La chiamavano “Ticozzi” per via della sua corporatura minuta, che contrastava con il suo carattere davvero forte. Come ricordano i suoi figli “Ivonne è stata anche una mamma molto affettuosa e comprensiva. Dal giorno della sua scomparsa c’è un grande vuoto, ma lei è rimasta in tutti i nostri cuori”.

Nives Concolino

Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?