25.6 C
Comune di Riccione
lunedì, Agosto 8, 2022

Slide Slide Slide Slide
HomeNotizieAttualitàLa Saviolina, simbolo di Riccione, trionfa alla Barcolana di Trieste.

La Saviolina, simbolo di Riccione, trionfa alla Barcolana di Trieste.

Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide

La “Saviolina”, l’imbarcazione storica simbolo di Riccione protagonista alla Barcolana del 2019 con il Club Nautico di Riccione. Un’ambasciatrice unica per Riccione al centro di una vetrina mondiale.

Riccione ha una “storia breve”, da sempre però i riccionesi si sono aggrappati ad un forte senso d’identità, coltivato negli anni con riferimenti spesso immateriali: un comune sentire, il nostro modo di essere e di fare, forse proprio figlio delle nostre origini di contadini senza terra e marinai senza porto. Ma oggi Riccione ha un simbolo capace di rappresentare al meglio la nostra storia e le nostre radici: “La Saviolina”.

Averla recuperata e valorizzata in tutti questi anni è stato un atto di grande lungimiranza, oltre che di amore. Vedere la Saviolina veleggiare alla Barcolana, tra le regate piu’ importanti e partecipate al mondo, in questa edizione oltre 2000 partecipanti, è stato motivo d’orgoglio per tutta Riccione.

A riguardo non ha dubbi Sebastiano Masetti Presidente del Club nautico di Riccione che ha capitanato la trasferta della Saviolina a Trieste per la Barcolana. “E’ stata un’esperienza straordinaria. L’interesse, lo stupore e la curiosità suscitata dalla Saviolina ci ha letteralmente sorpreso, non ci aspettavamo una tale accoglienza”.

E dire che il viaggio verso trieste non è stato breve: quindici ore con una tappa a Chioggia. “Sì, è stato impegnativo, ma essere ambasciatori della Perla verde sul nostro lancione storico, con la vela fiocco griffata Riccione ha suscitato un’accoglienza clamorosa. Eravamo l’imbarcazione più antica presente. Persino l’Amerigo Vespucci, nave simbolo della nostra Marina, era piu’ giovane della Saviolina perché del 1931. Il suo Comandante in seconda ci ha fatto i complimenti, assicurandoci addirittura che eventualmente in mare ci avrebbe lasciato acqua, perché la Saviolina è più vecchia”.

Una vetrina straordinaria, con la saviolina immagine simbolo della Barcolana rilanciata anche da una tv specializzata statunitense. Ma non è finita.
“Oltre ai tanti complimenti siamo stati premiati come “L’imbarcazione che meglio interpreta lo spirito della tradizione”, eppure erano oltre cinquanta le imbarcazioni storiche presenti. La Saviolina era tra le poche barche con le vele a terza, sistema di navigazione molto complesso e tipico dei lancioni di inizio ‘900. I pochi presenti a Trieste con quel tipo di navigazione hanno fatto veramente i salti mortali per rispettare storia e tradizione di quelle imbarcazioni”.

Presente sulla Saviolina anche stefano Caldari Ass. al Turismo di Riccione: “E’ stata una grande emozione e soprattutto un grande orgoglio esserci ed assistere alla prima della Saviolina alla Barcolana, è giusto ringraziare l’intero equipaggio e il direttivo del Club Nautico di Riccione perché ci hanno rappresentato egregiamente e con tanta competenza”.

Adesso arriva il Natale. la saviolina tornerà ad essere illu- minata a festa e protagonista di tanti selfie nel porto canale? “E’ impegnativo” puntualizza il Presidente Masetti “perché do- vremmo disalberarla per passare sotto il ponte e poi rialberarla, ma noi ci siamo per dare continuità ad un’iniziativa di grande successo e di grande legame con il territorio”.

A proposito di legame con la città, è vero che state lavorando per portare il busto del Prof. Camillo Manfroni nella vostra sede? “Si è così. Oggi il busto era abbandonato è in un magaz- zino scolastico, Manfroni è stato il primo presidente onorario del Club Nautico di Riccione e ci sembrerebbe una buona idea poter ospitare il busto di un uomo di mare così importante che ha voluto bene a Riccione”.

Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?