27 C
Comune di Riccione
martedì, Luglio 27, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide
HomeDialettoTra'l dò guère, al storie ad Sètimie - Tra le due guerre,...

Tra’l dò guère, al storie ad Sètimie – Tra le due guerre, la storia di Settimio

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Tra’l dò guère, al storie ad Sètimie

Quand a sera un burdèl ho patì un gran bèl po’. Ui era una scaja ch’un si vidiva lòm e a campamie sa pòch e gnint. A sérmie sèt fradèl: Primo, Secondo, Terzo, Quarto, Quinto, Sesto e Settimio! Me a sera e piò znèin ma quasi mai im ciamèva Sètimie; im deva un soranòm per ogni ucasiòun!
E sabata, quand a fémie e bagn tla mastèla, um tuchèva per utme! Savoun pòch e bròsca ch’l’at cavèva la pèla. A ogni lavag l’aqua la dvantèva sempre piò nira e e lèz us muciva. La s-ciòma chi laseva i mi fradèl la dvantèva sempre piò cundensèda: paciarèina, quasi fanga e quand Sesto e giva: “Paciugh, e tèca ma te”, la era come la tèra creta de Rio Melo. Isé me am mitiva a fè i bambòz sfughand la mi fantasia. La mi Mà, quand lam triva fura per sughim, la guardèva la mia creazioun e la giva: “Quant l’è brèv e mi Michelangelo!”. Noun fradèl per durmì a emie un pajeréc (sacòun) fat a posta. Primo, Secondo e Terzo i durmiva ad fiènch sla testa a Nord; Quarto, Quinto e Sesto sla testa a Sud e me a steva per e lèngh, tramèza i pì di mi fradèl. Im ciamèva: “Sèt ad bastòun!”

TRA LE DUE GUERRE, LA STORIA DI SETTIMIO

Quando ero bambino ho sofferto un gran bel po’. C’era una miseria che non si vedeva luce e sopravvivevamo con poco e niente. Eravamo sette fratelli: Primo, Secondo, Terzo, Quarto, Quinto, Sesto e Settimio! Io ero il più piccolo ma quasi mai mi chiamavano Settimio: mi davano un soprannome per ogni occasione! Il sabato. Quando facevamo il bagno nel mastello, mi toccava per ultimo! Sapone poco ma brusca che ti spellava. Ad ogni lavaggio l’acqua diventava sempre più nera e lo sporco si ammucchiava. La schiuma che lasciavano i miei fratelli diventava sempre più condensata: fanghiglia, quasi fango e quando Sesto diceva “ Pasticcio, tocca a te”, era come l’argilla del Rio Melo. Così io mi mettevo a fare i pupazzetti, sfogando la mia fantasia. Mia mamma, quando mi tirava fuori per asciugarmi, guardava la mia creazione e diceva: “Quanto è bravo il mio Michelangelo!” Noi fratelli per dormire avevamo un apposito pagliericcio. Primo, Secondo e Terzo dormivano affiancati con la testa a Nord; Quarto, Quinto e Sesto con la testa a Sud e io stavo nel mezzo tra i piedi dei miei fratelli. Mi chiamavno “Sette di bastoni!”.

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?