14.6 C
Comune di Riccione
giovedì, Aprile 22, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide
Home Dialetto La Cuntésa ad Bulègna di Lorenzo Galavotti

La Cuntésa ad Bulègna di Lorenzo Galavotti

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

Na volta la gènta ch’l’amniva me mèr lan si ciamèva “ I turésta”…i era “ I S-gnur”. Na masa ad quist S-gnur i era nobil, se su bèl sangue blò. Un bèl esemplèr l’era una Cuntésa ad Bulègna, ch’lan s’era mai spusè.

La eva una vilèta tl’Abisinia, s’un giardèin isé radanèd che e fèva voja, si su buschét ad ligòstre, al stradèine ad lapél biènch e, in fènd, ui era la stala. Perchè la Cuntésa la eva una cavala biènca per trì e su bèl calisèin maruncin sempre lòcid come l’or.

A guvernè cavala, calisèin, giardèin e tòt e rèst ui era “Spranghin” che in realtà us ciamèva Utèvie, mo dato che d’inverne e cumdèva padèle, piat, còc e umbrèle, us strasniva drì che soranom.

La cuntésa la era una muliga spirlimpèina e e capitèva spès cla partés ad scaranèda per i su incontre misterios. Isé Spranghin e tachèva la cavala e mitiva sò al valise e la caplira e e cumpagnèva la Cuntésa ma la stazioun.

Ilè e pasèva i bagaj me fachin, po’ l’ascultèva al solite rach-mandazioun per l’andamènt dla chèsa. Apèina us santiva e fés-ce de treno in ariv la Cuntésa la slunghèva, tal mène pìne ad cal ad Spranghin, la mència. Lò e sbarlucèva senza fès véda, us tuleva e brèt da la testa e e giva: “Bon viag s-gnora Cuntèsa, bon viag finènta a Bulègna”.

E la Cuntèsa la partiva cuntènta.

Un bèl dé, dèp la solita manfrèina, Spranghin e saluta la Cuntèsa isé: “Bon viag sgnora Cuntèsa, bon viag finènta a Furlé”. Al chè la Cuntèsa, arsantida, la dmanda spiegazioun e e brèv om l’arspènd:

“ Sgnora Cuntèsa, ad solit am dè dis sèld al mència per andè a Bulègna…og am avì dè cinq sèld…finènta a Furlé e basta e l’arvènza”. Po’ us’è sistemè e brèt tla testa, l’ha prilì sora i tach e l’è rtorne ma chèsa.

Lorenzo Galavotti

LA CONTESSA DI BOLOGNA

Una volta la gente che veniva al mare non si chiamava “I turisti”…erano “I Signori”. Molti di questi Signori erano nobili, col loro bel sangue blù. Un bel esemplare era una Contessa di Bologna, che non si era mai sposata.

Possedeva una villetta all’Abissinia, con un giardino così ordinato che faceva voglia, con le sue siepi di ligustro, le stradine di sassolini bianchi e, in fondo, c’era la stalla. Perchè la Contessa aveva una cavalla bianca per trainare il suo bel calessino marroncino sempre lucido come l’oro.

A governare cavalla, calessino, giardino e tutto il resto era “Spranghino” che in realtà si chiamava Ottavio, ma dato che in inverno aggiustava padelle, piatti, ter- rine e ombrelli, si trascinava dietro quel soprannome.

La Contessa era un pò “vivace” e capitava spesso che partisse all’improvviso per i suoi incontri misteriosi. Così Spranghino attaccava la cavalla, metteva sopra la valige e la cappelliera e accompagnava la Contessa alla stazione. Lì passava i bagagli al facchino, poi ascoltava le solite raccomandazioni per l’andamento della casa.

Appena si sentiva il fischio del treno in arrivo la Contessa allungava, nelle mani piene di calli di Spranghino, la mancia. Lui buttava l’occhio senza farsi vedere, toglieva il berretto dalla testa e diceva: “Buon viaggio Signora Contessa, buon viaggio fino a Bologna”.

E la Contessa partiva contenta.

Un bel giorno, dopo la solita noiosa ripeti- zione, Spranghino saluta la Contessa così: “Buon viaggio Signora Contessa, buon viaggio fino a Forlì”.
Al chè la Contessa, risentita, domanda spiegazioni e il brav’uomo risponde:

“Signora Contessa, di solito mi date dieci soldi di mancia per andare a Bologna… oggi mi avete dato cinque soldi… fino a Forlì basta e avanza”. Poi si è sistemato il berretto in testa e dopo una giravolta sui tacchi è tornato a casa.

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?