20.6 C
Comune di Riccione
martedì, Agosto 9, 2022

Slide Slide Slide Slide
HomeNotizieSolidarietàNuova sede IOR di Riccione dedicata a Marina Giannini

Nuova sede IOR di Riccione dedicata a Marina Giannini

Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide

La nuova sede dello IOR dedicata a Marina Giannini. A ricordarla una targa e la donazione di una Fiat Qubo da parte dei Lions Club di Riccione, dei quali Marina è stata Presidente.

Nuova sede per lo Ior di Riccione che, in Corso Fratelli Cervi, 172, raddoppia spazi e servizi. In previsione l’ufficio riserva- to alla psicologa e spazi dedicati alle donne, che durante le terapie intendono curare la loro immagine, attraverso specifici progetti che consentono di ottenere gratis anche trucchi e parrucche.

Dedicati a Marina Giannini, già responsabile dello Ior di Riccione, i nuovi locali sono stati inaugurati lo scorso 24 novembre  2018 dal professore Dino Amadori, presidente dell’Istituto oncologico romagnolo, che vanta mezzo secolo di esperienza soprattutto nella ricerca. Al suo fianco l’attuale responsabile Ilva Melotti, il sindaco Renata Tosi con altre autorità e numerosi volontari. Il taglio del nastro è stato accompagnato da un significativo gesto solidale.

FIAT QUBO DAL LIONS RICCIONE
L’associazione infatti ha ricevuto in dono una Fiat Qubo per accompagnare gratis i pazienti che non riescono a raggiungere i luoghi di cura in autonomia. Il dono è arrivato dal Lions Club di Riccione che con questo gesto, ha inteso condividere le finalità dello IOR e rendere omaggio alla Giannini che, oltre a essersi tanto adoperata per l’Istituto oncologico, è stata anche presidente (prima donna) del Lions Club.

MARINA GIANNINI DIVISA TRA IOR E LIONS
Lo spirito di servizio di marina trapela anche dalla targa affissa alla parete della nuova sede, sulla quale si legge: “Per l’impegno e la dedizione come volontaria, come membro del consiglio di amministrazione dello Ior e responsabile della sede di Riccione”. “Ci siamo trasferiti dalla piazzetta Matteotti a Corso Fratelli Cervi, per l’esigenza di operare in spazi più ampi e adeguati e perché per la nuova sede pagheremo meno -spiega la Melotti-.

NUOVI PROGETTI
Avremo dunque anche un risparmio, cosa di non poco conto, perché, eccetto la segretaria, noi siamo tutti volontari e offriamo servizi gratuiti. C’è poi l’idea di realizzare due progetti “La Forza del sorriso” e il “Margherita”, quello delle parrucche, già avviato a Rimini”. Quest’ultimo consiste in un incontro durante il quale le signore scelgono una parrucca (offerta gratis), grazie al supporto di un parrucchiere volontario, presente in sede unavolta al mese.

A Riccione oltretutto s’intende attivare anche il laboratorio di make-up gratuito, in collaborazione con l’associazione “La forza e il sorriso – Lgfb Italia Onlus”. Come spiega la Melotti: “Le più importanti case di bellezza ci doneranno dei cofanetti con prodotti per il trucco, da regalare alle donne, che una volta al mese da noi avranno a disposizione un’estetista”.

AMADORI “PUNTIAMO ALLA RETE DI RICERCA EUROPEA”
Nel sottolineare i passi in avanti fatti in campo terapeutico, con conseguente “drastica diminuzione della mortalità per tumore”, Amadori evidenzia l’importanza di fare rete nella gestione delle strutture oncologiche romagnole “sistema – sostiene – che potrebbe portare al riconoscimento di una “rete di ricerca europea” e ottenere ulteriori finanziamenti, con conseguente crescita delle tecnologie in tutte le nostre oncologiche”.

IL RICORDO DI BARBARA BONFIGLIOLI
Un particolare: l’inaugurazione della nuova sede, inizialmente programmata a inizio ottobre, è slittata di un mese e mezzo per la prematura scomparsa di Barbara Bonfiglioli, che per un lasso di tempo ha guidato la stessa sezione riccionese, attiva da trentacinque anni”.

Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?