14.6 C
Comune di Riccione
giovedì, Aprile 22, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide
Home Rubriche Pagine Edmo Vandi Quel signore in bianco di nome Benito

Quel signore in bianco di nome Benito

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

Edmo Vandi bambino e la mattinata passata sui campi in terra rossa di Villa Mussolini con il Duce che giocava con Domenico “Dogi” Galavotti. Con finale a sorpresa… La fusaja e e s-ciafoun ad Sdèin.

In quel pomeriggio di fine luglio 1942, mio padre Virgilio svolgeva il suo lavoro di giardiniere comunale nei giardini pubblici che oggi sono intitolati a Luigino Montanari.

Ero ancora un bambino e mio padre mi portava con se sul lavoro per non lasciarmi a casa da solo. Quel giorno mi comprò dieci centesimi di lupini (la popolare “fusaja”) contenuti nel classico cono di carta gialla, poi mi disse: “Sta i ché sa mé, nu va da lèngh. Li vicino però c’erano (e ci sono) i campi da tennis dove in quel pomeriggio stava giocando una coppia, che poi ho saputo trattarsi di un maestro di tennis riccionese e un signore vestito di bianco che si chiamava Benito.

Trovo un cancello aperto, entro e, sgranocchiando la mia fusaja, assisto incuriosito a quell’accanito scambio di palle. All’improvviso come per un colpo di fulmine mi arriva uno schiaffone a mezza guancia che mi invornisce e mi fa saltare per aria i lupini. Corro urlando e piangendo da mio padre che, allarmatissimo, mi chiede cos’è stato. Cerco di raccontare disperato, che un vecchio mi ha colpito mentre ero là a guardare giocare a tennis. Mio padre, inferocito, si precipita verso i campi quando, all’ingresso viene fermato da due uomini armati che lo bloccano.

A questo punto, richiamato dal clamore, accorre uno dei due tennisti, il maestro riccionese Domenico Galavotti, detto “Dogi”, il quale, riconosciuto mio padre, ferma tutto e chiede spiega- zioni, spiegazioni che qualche anno più tardi apprendo anch’io. I fatti si erano svolti così: la mia presenza sul campo da tennis aveva tratto in inganno il custode (il burbero Sdèin) il quale mi aveva scambiato per uno dei ragazzini raccattapalle e, vedendomi immobile a mangiucchiare lupini, mi aveva punito con il sonoro ceffone che mi aveva arrossato la guancia sinistra e fatto volar via la preziosa fusaja. Chiarite come erano andate le cose, ritorniamo ai giardini.

Qui, dopo pochi minuti, ci raggiunge uno dei due “questurini” che porge a mio padre una carta da dieci lire e un cartoccio di lupini spiegando che vengono da quel signore vestito di bianco che giocava a tennis, di nome Benito. Virgilio ringrazia e sollevato mi dice:”Tvèd cus che sucèd a magnè la fusaja du chi giuga a tenis!

Edmo Vandi

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?