4.7 C
Comune di Riccione
giovedì, Gennaio 20, 2022

Slide Slide Slide Slide Slide Slide
HomeLibriA m'arcord: il nuovo libro di Edmo Vandi

A m’arcord: il nuovo libro di Edmo Vandi

Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide Slide

I contenuti dalla prefazione della Poetessa Rosita Copioli

(… Vandi sa cosa vuol dire fare tornare il passato. Cosa ne resterebbe, se non se ne restituisse il sapore, i colori, le sensazioni, le parole, i riflessi, gli umori, i pensieri, tutto l’insieme corposo della realtà, la vita intera che li per li sembra solida ed evidente, e si dissolve in un attimo?
Ricordare non significa mettere insieme fatti nudi e crudi.
Anche per il titolo non è un ammiccamento al film di Fellini, perché di quel mormorare che non è una sfilza di ricordi, recupera sia la “nostalgia della nostalgia”, sia l’idea platonica. Ma guai se la gravità dei dolori non fosse stemperata dal riso. Dal senso del gioco e dell’avventura, che un bambino, o un ragazzetto vive, anche sotto le bombe e nel passaggio del fronte. Così come il ragazzo non può fare a meno della musica, che gli piace tutta, e che si è sempre sentito dentro.

Che si trova a suo agio dovunque, perché conosce l’arte di arrangiarsi, e l’umanità, il sentimento, la compassione che si ha anche per un cane abbandonato, ed è proprio la pietas di Virgilio. La musica dentro lo anima: ora a condurre i set stellari di dancing che vedono avvicendarsi “artisti e personaggi di ogni campo: cinema, teatro, musica, finanza, politica”; ora quando lavora in Comune e sembra una specie di Pronto Soccorso: “Stracolmo di pratiche, fascicoli e scatoloni d’archivio in quanto mi occupavo di sport, cultura, pubblica istruzione, stampa, turismo, rapporti con l’estero, pubbliche relazioni e in più redattore del Notiziario Comunale”.

Certo una capacità di osservazione come la sua – cogliere il particolare giusto, memorizzare caratteri e fatterelli che paiono sciocchezze, e sono invece quel che dà il sapore alle storie – è una dote rara, quella del raccontatore nato, che come un prestidigitatore trae dal nulla le sue apparizioni. E’ vero che i suoi personaggi sembrano quelli di Amarcord, tra barbieri anarchici che fermano l’orologio il primo maggio, il Duce col violino, suor Virginia, il bidello col bastone, il bambino Bombolo che pesta i piedi nella pozzanghera, il babbo che davanti alla divisa dice “bota via c’la roba”, il vigile che fa la multa alla moglie…).

CONOSCIAMO L’AUTORE

Edmo Vandi è riccionese di stirpe e tradizione essendo nato da due famiglie di antiche radici riccionesi: i Vandi e i Di Luigi. Giornalista iscritto nell’Elenco Speciale dei Pubblicisti dell’Ordine di Bologna dal 2 ottobre 1975. Ha diretto per 22 anni il “Notiziario di Vita Amministrativa Cittadina” edito dal Comune di Riccione, Comune nel quale ha ricoperto il ruolo di Capo Ufficio Stampa e Documentazione per 24 anni. Collaboratore di “VGA.Telerimini” dal 1976 al 2005 in qualità di corrispondente nonchè lettore del Telegiornale.

Da giovane ha compiuto studi d’arte e linguistici presso l’Università di Amburgo e di Sociologia presso l’Università di Urbino. Ha firmato corrispondenze per il “Messaggero” e altri quotidiani nazionali e locali. In gioventù è stato per 21 anni Direttore-Presentatore nei locali notturni della Riviera Romagnola. È stato socio fondatore del Centro Arti Figurative di Riccione, del Cine-Foto Club Riccione e della Cungrèga de dialèt arciunès. È socio onorario de Circolo Amici della Lirica “R.Baldacci”.

Studioso e appassionato di dialetto, ha collaborato per le loro ricerche con Gianni Quondamatteo e Dante Tosi ed ha pubblicato propri scritti e poesie dialettali su riviste e pubblicazioni regionali e locali. Ha curato il testo sulla “Storia del dialetto riminese” per la “Guida Culturale e Turistica” della Provincia di Rimini e della Repubblica di San Marino. Ha vinto nel 1996 il “Premio Speciale della Giuria” del Concorso “Ilaria Alpi” per un reportage televisivo realizzato in Albania dove è stato più volte in missioni umanitarie. E’ autore di libri di poesie e racconti dialettali intitolati: J’ha bu i bù? e L’andare del tempo, editi da Famija Arciunesa. Ultimamente ha collaborato con le emittenti televisive La8, La9 e IcaroTV. Attualmente è Addetto Stampa dell’Associazione ex Dipendenti Enti Pubblici di Riccione, nell’ambito della quale tiene pubbliche conferenze sulla storia di Riccione corredate da filmati d’epoca di propria produzione.

Edicole: Baiocchi – C.so F.lli Cervi 125 · GRAZIELLA – V.le Ceccarini 151
o presso la sede di FA 0541 643884 (Mart-Giov pom dalle 16 alle 18)

Slide Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?