26.8 C
Comune di Riccione
lunedì, Giugno 17, 2024

Slide Slide Paolucci Web Agency Riccione Slide Slide Slide Slide Slide
HomePersonaggiAmici che se ne vannoAddio al maestro d’ascia Orazio Mulazzani

Addio al maestro d’ascia Orazio Mulazzani

Slide Paolucci Web Agency Riccione Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Paolucci Web Agency Riccione Slide Slide Slide Slide Slide

Orazio Mulazzani, maestro d’ascia riccionese, fondatore dei Cantieri Mulazzani, ci lascia a 90 anni dopo aver segnato la storia del marineria della Perla verde.

Era un autentico artigiano, un vero e proprio maestro d’ascia, che ha segnato la storia della nautica locale. Orazio Mulazzani, ultimo protagonista della cantieristica navale riccionese, è scomparso lo scorso 16 febbraio 2019 a 90 anni.

IL PERCORSO PER DIVENTARE MAESTRO D’ASCIA NEL 1956
Di famiglia votata al mare, era nato a Riccione il 5 febbraio 1929. Persona mite, socievole e sempre disponibile, Mulazzani cominciò a occuparsi di imbarcazioni fin da ragazzo. All’inizio degli anni Quaranta, per apprendere l’arte, andò a lavorare nel cantiere Magnani, sul porto di Riccione. Il suo apprendistato andò avanti fino al 1956, quando con grande soddisfazione ottenne la patente di Maestro d’ascia, finché nel 1957 fondò i Cantieri Mulazzani.

I CANTIERI MULAZZANI
Con professionalità, estro, ottima manualità, assieme alla famiglia Franchini, altro caposaldo della cantieristica riccionese, partecipò alla costruzione in mogano e teak di autentici “gioielli” nautici: dinghy, lance, snipe, “cutter” da spiaggia, grandi scafi a vela plananti, tuttora usati per le gite in mare. La sua fama è legata anche a un altro particolare natante.

Nel 1976 subentrato nel cantiere Franchini, Mulazzani costruì la prima barca per portatori di handicap su idea di Michele Laganà, già a capo del Club Nautico di Misano. Orazio, che lascia la moglie Romea, i figli Alessandra e Riccardo, da autentico artista ha dato dimostrazione delle sue doti manuali, realizzando altri capolavori, in particolare i violini, intagliati con pazienza certosina.

LA SPIAGGIA
A prevalere è stata comunque la sua passione per il mare, presente nel Dna ereditato dalla mamma Speranza e dal padre Federico, messo comunale ai tempi del podestà, che non potendo saldare del tutto gli stipendi, gli donò un appezzamento di spiaggia, esteso dal mare a viale Gramsci.

LA TRASFORMAZIONE IN LUXORY YACHT
Sua moglie lo coltivava a patate, mentre lui per far quadrare il bilancio di casa andava a pescare. E’ in quell’area che il fratello di Orazio, Tiziano avviò poi il bagno tuttora esistente. Il cantiere Mulazzani, sulla darsena di ponente è esistito fino agli inizi degli anni Duemila, quando a prenderlo in mano per trasformarlo nell’originale sede della rinomata Luxory Yacth, inaugurata nel 2007, è stata la nipote, Franca Mulazzani, figlia di Renato, uno degli otto fratelli.

Slide Slide Paolucci Web Agency Riccione Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Paolucci Web Agency Riccione Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?