14.6 C
Comune di Riccione
giovedì, Aprile 22, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide
Home Rubriche Pagine Edmo Vandi Emigrante in Germania: il "Pane e cioccolata" di Edmo Vandi

Emigrante in Germania: il “Pane e cioccolata” di Edmo Vandi

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

Come Nino Manfredi in “Pane e cioccolata” Edmo Vandi ricorda la sua avventura in una birreria in Germania e le difficoltà di essere riccionese ed italiano all’estero.

 

COME IN “PANE E CIOCCOLATA”

La locandina del film Pane e cioccolata” del 1974.

Ho rivisto recentemente il film di Franco Brusati “Pane e cioccolata” del 1973, dove un grande Nino Manfredi interpreta un emigrato italiano che cerca di mime- tizzarsi nella realtà svizzera ossigenando- si i capelli e parlando un italiano stentato. Il tutto però precipita quando, trovandosi in un bar, circondato da pseudo amici svizzeri e assistendo ad una trasmissione televisiva dell’incontro di calcio Italia-Inghilterra, soffre in silenzio il rumoroso tifo dei presenti per la nazionale britannica e le fasi negative degli azzurri. Ma all’improvviso l’Italia, dopo un’azione magistrale, segna un gol decisivo e spettacolare. A quel punto il “biondo” Nino per un attimo si trattiene ma poi scoppia in un urlo altisonante e liberatorio tradendo così la sua vera origine e la sua anima patriottica.

EDMO IN GERMANIA

Edmo Vandi in Germania.

Ero andato a far visita ad un mio amico tedesco conosciuto in estate a Riccione, Dieter Paulmann, nella città di Braunschweig. Dieter, scoprii, era un assiduo frequentatore di Kneipen (Osterie)- (anche in Italia si ubriacava!) e per presentarmi ai suoi amici mi portò nel suo ritrovo abituale.

IL TIFO IN BIRRERIA
Atmosfera fumosa, birra a fiumi, ballerine dalle scollature generose che segnavano nei sottobicchieri due o tre birre anzichè una. Ma il clou della serata era in televisione. Seguito da un tifo assordante, stavano trasmettendo un confronto di pugilato dilettantistico fra le Nazionali di Germania e Italia. Tra le edificanti espressioni: “Mach ihn tot” (uccidilo) e “Mach ihn fertig” (finiscilo) si stava verificando un ecatombe di pugili italiani. Dai pesi gallo in avanti tutte vittorie dei più muscolosi teutonici. Soffrivo ma cercavo di non darlo a vedere. Poi, ultimo incontro: Pesi massimi.

Un lardoso tedesco contro un intimorito italiano di pari stazza. Infatti le prime due riprese furono uno strazio fra urla e inviti a “finirlo” e concludere così in bellezza la carneficina. Ma a metà della terza ed ultima ripresa, avvenne un fatto sconvolgente. L’italiano con un gan- cio destro preciso, colpì il gigante tedesco al mento facendolo crollare pesantemente al tappeto dove rimase per il conto totale. Silenzio glaciale tutt’attorno (si sentivano soltanto i rutti animaleschi dei presenti). Io non seppi trattenermi e, balzato in piedi urlai tutta la mia sofferta e repressa italia- nità. Le reazioni non si fecero attendere: “Fascist !”, “Mussolini !” “Betruger” (traditore) “Scheissitaliener!”.

LA FUGA ED IL SALUTO FINALE
A questo punto cercai in tutta fretta l’uscita infilandomi nel primo taxi abitualmente pronto per portare a casa gli ubriachi. Alla fine della corsa il tassista mi disse gentilmente: “Macht zehn Mark Scheissitaliener “ (Fa dieci Marchi italiano di merda). Gli risposi: “Ecco quà tassista del c….!”. Fu dunque un “Pane e cioccolata” in versione “Wurstel e birra” molto istruttivo per rendersi conto di come si vive da emigrante nei paesi stranieri.

Edmo Vandi

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?