17.6 C
Comune di Riccione
sabato, Maggio 1, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide
HomeSenza categoriaGiovanni Ceccarini e la sua Riccione

Giovanni Ceccarini e la sua Riccione

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

Giovanni Ceccarini, marito di  Maria Boorman Wheeler, conobbe e sposò la benefattrice di Riccione a New York per poi trasferirsi prima a Roma e poi nella residenza di Villa Torre Rossa. Immediato l’amore per il luogo e l’impegno per i poveri di allora. A Giovanni Ceccarini Maria intitolò l’Ospedale di Riccione.

Giovanni Ceccarini nasce a Torrice (ora provincia di Frosinone) il 17 ottobre 1823. Egli intraprende gli studi di medicina: nel 1841 frequenta l’ospedale di Pesaro, dove fa pratica di chirurgia, meritandosi gli elogi dei superiori; frequenta anche l’ospedale di Rimini. Nel periodo della spola fra Pesaro e Rimini, apprezza molto le verdi colline, attratto dalle bellezze naturali di quei luoghi, che sovrastano il piccolo paese di Riccione. Il 12 luglio 1844 si laurea in chirurgia a Roma. Successivamente gli viene assegnato l’insegnamento della Anatomia alla Accademia di Belle Arti di Roma. Il 24 agosto 1848 è nominato chirurgo comunale di Roma.

GIOVANNI CECCARINI IN ESILIO
Nel febbraio 1849 c’è la breve stagione della Repubblica Romana inesorabilmente stroncata dall’esercito francese: Giovanni Ceccarini combatte a fianco di Garibaldi e – dopo la disfatta – viene condannato all’esilio. Va in un primo tempo in Oriente, poi a Parigi dove frequenta l’Ospedale Necker e la Facoltà di Medicina. Nel 1854 lascia Parigi e va negli Stati Uniti dove fonda un ospedale oftalmico, essendo poi nominato Commissario di Sanità a New York. Qui conosce Maria Boorman Wheeler che diventerà sua moglie il 15 ottobre 1863. Il matrimonio viene celebrato con rito protestante perché sono di quella religione.

IL RITORNO IN ITALIA TRA ROMA E SCACCIANO
Il 9 novembre 1875 viene concesso il passaporto ai Ceccarini, il mese successivo Giovanni si stabilisce a Roma, ma si divide fra Roma e Scacciano, frazione di Misano Adriatico, situato sulle colline subito all’interno di Riccione. Ha occasione così di assumere insieme alla moglie Maria iniziative di generosa liberalità nei confronti della popolazione locale, prevalentemente costituita da gente povera, contadini o pescatori.

GIOVANNI CECCARINI CONSIGLIERE COMUNALE MANCATO
Nel 1880 avendo la cittadinanza americana non può assumere la carica di consigliere comunale di Misano Adriatico alla quale era stato eletto. Giovanni e Maria alternano la loro presenza fra Roma e la villa di Torre Rossa che avevano costruito ai confini fra Riccione e Misano.

Villa Torre Rossa dei Ceccarini a Scacciano di Misano.

LA MORTE IL 3 DICEMBRE 1988 A 65 ANNI E L’ATTIVITÀ DI MARIA CECCARINI

Giovanni Ceccarini cessa la sua esistenza il 3 dicembre 1988, Maria Boorman Wheeler Ceccarini nel 1889 entra a far parte della Società Operaia di Mutuo Soccorso di Riccione; fonda la Biblioteca Popolare Circolante; nel novembre 1891 realizza l’Asilo Infantile di Riccione, nell’aprile fa iniziare i lavori di costruzione dell’Ospedale finito di costruire nell’ottobre 1893 assegnando all’ospedale la proprietà di numerosi poderi agricoli.

Nel 1894 rende possibile la realizzazione del porto di Riccione , fornendo una cospicuo somma al Comune di Rimini. Fa poi costruire lungo il tracciato dell’antico sentiero la Viola la strada che va dal paese di Riccione, situato lungo la via romana Flaminia, al porto. La benefattrice di Riccione viene a morte il 31 agosto 1903.

Il monumento funebre che accoglie le spoglie dei coniugi Ceccarini si trova nel Cimitero Acattolico di Roma e viene restaurato, in memoria dei due benefattori, nel 2011 a cura e spese del Rotary Club Riccione-Cattolica e della IPAB di Riccione.

Slide Slide Slide Slide Slide

Slide Slide Slide Slide Slide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img
spot_img

Ultimi Pubblicati

Commenti Recenti

Dondi Gian Luigi (Gil) on William Pozzi e la passione per la boxe
Casali Anna Maria on Conosci il dialetto riccionese?