3 C
Comune di Riccione
sabato, Gennaio 16, 2021

Slide Slide Slide Slide Slide Slide
Home Attività I quarant'anni di Famija Arciunesa

I quarant’anni di Famija Arciunesa

Tutto esaurito allo Spazio Tondelli
per i 40 anni di Famija Arciunesa

E’ stato come ritrovarsi a casa, in un grande salotto dove sfogliare un album di ricordi ed emozioni, sullo sfondo sempre Riccione.
Non tutti hanno trovato posto, perchè venerdì 31 gennaio lo Spazio Tondelli, per i 40 anni di Famija Arciunesa, era stracolmo di gente. Per noi è stata un’immensa soddisfazione da condividere con i lettori e gli amici di FA in una serata che non voleva essere autoreferenziale bensì un evento da vivere con semplicità, allegria e senso di appartenenza.

Tra ricordi, foto e video, si sono snodati racconti e monologhi dialettali. Ripercorsa la storia dell’associazione culturale con i protagonisti di ieri e di oggi, l’attività benefica svolta, quella editoriale con più 50 libri pubblicati e 170 numeri della rivista distribuiti gratuitamente per un totale di 2.680.000 copie.Un’occasione per presentare anche il giornale rinnovato nella veste grafica.

Il saluto del Presidente Consiglio Comunale Gabriele Galassi.

Il “babbo” Francesco Cesarini, a sinistra, presenta al pubblico il nuovo direttivo di Famija Arciunesa: Antonio Cianciosi, Antonio Batarra, Paolo Santovito, Alessandra Casadei, Valerio Tullio, Andrea Urbinati, Roberto Terenziani, Federico Galli.

La serata presentata dal neo “babbo” Francesco Cesarini ha avuto come cornice la gremitissima platea con tanti riccionesi presenti e alcune autorità: dal presidente della Provincia Riziero Santi, al presidente del Consiglio di Riccione Gabriele Galassi in rappresentanza dell’amministrazione comunale che ha concesso il patrocinio e che salendo sul palco si è detto particolarmente emozionato per l’atmosfera della serata.

Piacevole il ricordo delle origini di FA con le immagini dei veterani e fondatori dell’associazione a partire dai “BabbiAlver Colombari e Giorgio Piccioni fino al ricordo di altri protagonisti come Giovanni Olivieri, Franco Baratti, Mario Faetani, Remo Rastelli, Bruno Cecchini. Ricordato anche l’amico e pittore Giuseppe Ruberto. Poi gli storici direttori, da don Piegiorgio Terenzi fino a Luciano Sedioli, Marzio Cesarini, Carlo Andrea Barnabé, Giovanni Cioria e Francesco Cesarini.

I consiglieri Valerio Tullio e Federico Galli premiano Epimaco “Pico” Zangheri.

La Vice Presidente Alessandra Prioli premia Edmo Vandi.

 

 

 

 

 

 

 

Durante la serata consegnate quattro targhe ai veterani EpimacoPicoZangheri, storico fotografo, che ha festeggiato sul palco i novant’anni e che ancora collabora con la Famija insieme al figlio Gianni, Edmo Vandi per gli articoli e le pagine dialettali pubblicati in questi decenni.

I consiglieri Antonio Batarra e Paolo Santovito premiamo Giuseppe Lo Magro.

Il Pres. Francesco Cesarini e il consigliere Antonio Cianciosi premiano Nives Concolino.

 

Giuseppe Lo Magro per diciotto anni presidente e oltre dodici come consigliere e segretario, e Nives Concolino, giornalista, che ha cominciato a scrivere sulla rivista fin da studentessa.

Ferdinando Gabellini sula palco

Francesca Airaudo in scena.

 

Applautitissimi i monologhi scritti da Francesco Gabellini e portati in scena da una strepitosa Francesca Airaudo (“La custode”) e dal travogente Ferdinando Gabellini (“Pensieri di un bagnino”). Risate e commozione con i testi di Roberto Casadei letti da Edmo Vandi.

Maria Grazia Tosi ricorda il babbo Dante.

Il pubblico chiacchiera durante una pausa.

 

Grandi emozioni anche durante la proiezione di una clip video realizzata per la serata, del film-documentario “Riccione, racconti di un mito”, prodotto da Icaro Communication con le testimonianze di personaggi scomparsi come Ivo Del Bianco, Tino Maestri, Fulvio Bugli, Enio Della Rosa, Abner Fascioli, Gualtiero Masi e Isidoro Lanari.
Tra i ricordi in video anche quello della figura di Italo Nicoletti.

A seguire le foto storiche della Perla verde e l’esibizione dei ragazzi del Centro 21.

Un bel momento della serata, il presidente Francesco Cesarini intervista i ragazzi del Centro 21.

Sul palco presente anche il Campo Lavoro diocesano. Presentato il nuovo direttivo formato da Antonio Battarra, Antonio Cianciosi, Federico Galli, Alessandra Prioli, Paolo Santovito, Roberto Terenziani, Valerio Tullio e Andrea Urbinati.
In chiusura gran finale con la squisita torta del Panificio Bianchi offerta a tutti i partecipanti.

Saluto col pubblico.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

I Più Popolari

Commenti Recenti